Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Alfano: Altre 2 espulsioni ieri, Islam italiano fermi il “fai da te”

L'Islam italiano deve dire 'basta' all'Islam 'fai da te, dice Alfano, così come alle predicazioni in altre lingue
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

alfano_stampa estera

ROMA – “Dopo l’espulsione dell’ottavo imam, ieri, nelle ultime ore abbiamo provveduto ad altre due espulsioni. Ma di questo parlerò al Senato oggi pomeriggio”. Così il ministro Angelino Alfano, parlando alla stampa estera.

“ISLAM ITALIANO COLLABORI”

L’Islam italiano dica basta all’Islam ‘fai da te’. Alle predicazioni in altre lingue. Faccia un lavoro sempre più forte nella tracciabilità dei finanziamenti alle moschee”, chiede il ministro dell’Interno.

islam_moschea_musulmani

“OBIETTIVI SENSIBILI IN CONTINUO AGGIORNAMENTO”

Il ministero dell’Interno compie un lavoro di continuo aggiornamento degli obiettivi sensibili in Italia, spiega Alfano. “Abbiamo un elenco non fisso di obiettivi sensibili. In questi anni più volte ho invitato i prefetti a rivalutare i profili di rischio dei singoli obiettivi per singoli territori”, risponde Alfano a chi gli chiede se ci sia una mappa dei siti considerati a rischio.

RIMPATRI NON FUNZIONANO, LA UE SI MUOVA O SISTEMA SALTA”

ue_bandieraIl sistema europeo salterà e arriverà al collasso se non funzionerà il rimpatrio degli irregolari”. È l’avvertimento che il ministro dell’interno Angelino Alfano lancia all’Unione europea. “Se i rimpatri non funzionano- si chiede Alfano-, per quanto tempo li si deve gestire nei centri chiusi? Queste domande non riguardano gli stati ma l’Unione europea che sarà investita da un crash se non interverrà“. Anche perchè, aggiunge Alfano, “le opinioni pubbliche, se non funzionano i rimpatri, avranno crisi di rigetto come il razzismo e la xenofobia, non tanto in Italia ma a livello europeo. L’Ue deve mettere tutto il peso necessario a convincere i paesi africani a riprendersi i connazionali“. Alfano osserva poi che “non funzionano i rimpatri e non stanno funzionando nemmeno i ricollocamenti dei migranti su cui c’era stato un accordo. Ma in questo caso -precisa- c’era un accordo e io non credo che prevarranno le bugie. Sul tema dei rimpatri, invece, c’è troppa lentezza delle istituzioni europee”.

“SE I PAESI FACESSERO COME L’EGITTO AVREMMO RISOLTO GRAN PARTE PROBLEMI”

L’Egitto è uno dei paesi con cui abbiamo collaborato bene, anche dal punto di vista dei rimpatri. Se la nostra collaborazione con gli altri paesi fosse come quella con l’Egitto avremmo risolto gran parte dei nostri problemi”. Così il ministro Angelino Alfano, parlando alla stampa estera, a proposito della collaborazione nella gestione dei migranti. Alfano precisa: “Mi riferisco a questo ambito”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»