Epatite, Oms: “Solo una persona su 20 sa di averla”

In tutto il mondo si stimano essere 400 milioni le persone sono infettate con epatite B e C, più di 10 volte il numero di persone con l'Hiv. Solo nel 2013 sono morte 1,45 milioni di persone
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

epatite cROMA – Sembra incredibile ma il 95% delle persone con infezione da epatite B o C in tutto il mondo, non sanno di essere infette. Una ragione di ciò è che le persone possono vivere senza sintomi per molti anni, ma quando scoprono di avere l’epatite, spesso è troppo tardi perché il trattamento possa essere pienamente efficace. È quanto rileva l’Organizzazione mondiale per la sanità che in occasione del World Hepatitis day 2016 che si celebra domani rilancia sull’importanza di sviluppare le conoscenze sulla malattia, e aumentare l’accesso ai servizi di test e di trattamento. Oggi, solo 1 persona su 20 affette da epatite virale sa di averlo. E solo una su 100 con la malattia è in trattamento. Allo studio vi sono anche nuove linee guida per i test.

“Il mondo ha ignorato l’epatite a suo rischio e pericolo”, ha detto Margaret Chan, direttore generale dell’Oms. “È tempo di mobilitarsi e fornire una risposta globale all’epatite come fatto per la lotta o contro altre malattie trasmissibili come l’Hiv/Aids e la tubercolosi”. In tutto il mondo si stimano essere 400 milioni le persone sono infettate con epatite B e C, più di 10 volte il numero di persone che vivono con l’HIV. Si stima che 1,45 milioni di persone sono morte di malattia nel 2013 – rispetto a meno di un milione del 1990. Nel maggio del 2016, ricorda l’Oms, durante l’Assemblea mondiale della Sanità, 194 governi hanno adottato per la prima volta una strategia settoriale sull’epatite virale e hanno concordato i primi obiettivi globali. La strategia comprende un bersaglio per il trattamento di 8 milioni di persone per l’epatite B o C entro il 2020. L’obiettivo a lungo termine è quello di ridurre le nuove infezioni epatite virale del 90% e di ridurre il numero di morti a causa di epatite virale del 65% entro il 2030.

ricerca_medici“La strategia è ambiziosa, ma gli strumenti per raggiungere gli obiettivi ci sono già- dice l’Oms- . Un vaccino efficace e il trattamento per l’epatite B già esiste. Non esiste un vaccino per l’epatite C, ma l’introduzione di farmaci per via orale, chiamati antivirali ad azione diretta, ha reso possibile potenzialmente curare più del 90% dei pazienti entro 2-3 mesi. Ma in molti paesi, le attuali politiche, regolamenti e prezzi dei medicinali hanno messo la cura fuori dalla portata della maggior parte della gente”. E prosegue: “Dobbiamo agire ora per impedire alla gente di morire inutilmente da epatite”, ha detto il dottor Gottfried Hirnschall, Direttore del dipartimento Hiv dell’Oms e il programma epatite globale. “Ciò richiede una rapida accelerazione di accesso ai servizi e medicine per tutte le persone in stato di bisogno”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»