Toscana, nasce commissione d’inchiesta sugli intrecci tra Regione e Mps

In Consiglio regionale nascerà la commissione di inchiesta sugli
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

mpsIn Consiglio regionale nascerà la commissione di inchiesta sugli intrecci fra la Regione Toscana e Monte dei Paschi di Siena. Ad annunciarlo è il capogruppo del M5s, Giacomo Giannarelli: “Per la prima volta il Consiglio regionale toscano indagherà attraverso una commissione d’inchiesta sugli intrecci societari fra Monte Paschi e regione Toscana. Noi facciamo quello che diciamo: in campagna elettorale avevamo detto che avremmo istituito la commissione d’inchiesta e grazie all’articolo 61 del regolamento diamo comunicazione dell’istituzione di questa importante commissione”. Una precisazione significativa, poichè proprio l’articolo 61 consente al Movimento, assieme alle altre forze d’opposizione, di istituire la commissione senza passare dal voto dell’assemblea regionale mediante il supporto di un quinto dei componenti.

La commissione, prosegue Giannarelli, “indagherà sui rapporti della banca con la Regione. C’è stato un accorato appello della Corte dei conti che richiamava la Regione Toscana ad un maggior utilizzo dei soldi pubblici- sottolinea- in particolare sulle partecipate. Ricordo che Fidi Toscana che è una partecipata al 49% della Regione Toscana, con socio la Monte dei Paschi, provoca perdite nel bilancio regionale per due milioni di euro. Questo e’ un tema sul quale i cittadini, gli azionisti ed i lavoratori della Monte dei Paschi chiedono chiarezza”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»