Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

A Reggio Emilia simboli nazisti sull’officina di biciclette dell’ex partigiano

scritte naziste su officina biciclette reggio emilia orizz
Il sindaco Luca Vecchi: "Un atto molto grave, vigliacco e vergognoso che condanniamo con fermezza"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

REGGIO EMILIA – Croci celtiche e simboli nazisti sulla baracchina in cui l’ex partigiano reggiano Piero Canovi (oggi scomparso) aveva aperto dopo la guerra un’officina di biciclette. È successo questa notte a Reggio Emilia nei pressi del ponte di San Pellegrino.

“Un atto molto grave, vigliacco e vergognoso che condanniamo con fermezza”, dice il sindaco Luca Vecchi, spiegando che la baracchina “è diventata uno dei simboli della lotta antifascista della città un luogo di storia e memoria”. Ma, assicura il primo cittadino, “puliremo queste scritte e la baracchina di Piero tornerà più bella di prima, perché l’odio, l’intolleranza e l’incitamento al nazifascismo non saranno mai di casa a Reggio Emilia“.

LEGGI ANCHE: Reggio Emilia, un ‘tesoro’ da 53mila euro nello zainetto: 32enne arrestato

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»