Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Nella foresta di faggi secolari un corso per maestri dei boscaioli

faggi foresta bosco alberi
Mercoledì in Cansiglio rombano motoseghe per chi forma al mestiere
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

VENEZIA – Una foresta ‘delle meraviglie’ per imparare a preparare boscaioli provetti: il Cansiglio, storica faggeta demaniale regionale gestita da Veneto Agricoltura diventa palestra per maestri di motoseghe.

Sull’altopiano prealpino tra Veneto e Friuli Venezia Giulia, a cavallo tra le province di Belluno, Treviso e Pordenone, la foresta di faggi e abeti secolari (con i suoi 7.000 ettari è la seconda in Italia per estensione) mercoledì ospita “For Italy”, acronimo che sta per “Formazione forestale per l’Italia”: è l’evento per “formare i formatori” che prepareranno le nuove leve di un lavoro antico e moderno, fondamentale per la salvaguardia dell’ecosistema foresta.

“For Italy” vede coinvolte le Regioni Piemonte (capofila), Basilicata, Calabria, Liguria, Lombardia, Sardegna, Sicilia, Toscana e Veneto, ed è stato condiviso da tutte le altre. Nell’ambito del progetto sono in via di realizzazione sei cantieri dimostrativi e informativi (nord, centro-nord, centro, Sardegna, sud e Sicilia) sulla formazione forestale e sette corsi di formazione per istruttori forestali di abbattimento ed allestimento (nord, centro nord, centro, Sardegna, sud 1, sud 2 e Sicilia) per “formare formatori”, cioè istruttori forestali ‘patentati’ per insegnare nei corsi promossi dalle Regioni e dalle Province autonome.

Largo dunque a motoseghe, gru a cavo e verricelli nell’antico Bosco da Reme della Serenissima Repubblica, dove probabilmente l’attività selvicolturale ha preso inizio. Il cantiere dimostrativo, promosso dal Settore foreste della Regione Veneto e realizzato da Veneto Agricoltura, nell’ambito di For Italy, è rivolto a imprese, associazioni, agenzie formative e a chi nelle regioni e province autonome del nord Italia promuove e realizza la formazione professionale in campo forestale.

Nel Cansiglio verranno allestite e animate diverse piazzole con dimostrazioni pratiche delle principali operazioni forestali: abbattimento, allestimento, esbosco aereo, sicurezza, inoltre saranno presentate le novità apportate dal Testo unico su foreste e filiere forestali per la qualificazione delle imprese e in materia di formazione degli operatori. D’obbligo, ovviamente, per gli operatori, casco e giubbotto ad alta visibilità, mentre saranno distribuiti opuscoli informativi sui temi illustrati nel cantiere, il Manuale del boscaiolo e documentazione tecnica, specifica per le imprese forestali, in materia di sicurezza sul lavoro. La partecipazione è riservata ai tecnici accreditati.

Si parte alle 9 con accoglienza, organizzazione gruppi, distribuzione dispositivi di sicurezza, gadget e materiale informativo e dalle 9.30 entra nel vivo la prima stazione su presentazione dell’iniziativa e normativa nazionale. Si passa quindi alla seconda stazione, su sicurezza nei cantieri forestali. La terza prevede l’abbattimento dimostrativo e accorgimenti per operare in sicurezza. Nella quarta focus sui rischi dell’esbosco: uso sicuro di funi e carrucole. Infine, quinta stazione su esbosco terrestre con verricello portato, la sesta sulle figure professionali del bosco e la settima per approfondire il contesto locale. Dopodiché pranzo al sacco e fine attività per le 17.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»