Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

La Valle d’Aosta testa il progetto contro il dissesto geologico

montagna valle d'aosta
Il progetto "Rita - Risposta Impatti Tempesta Alex" si occuperà di mitigare gli effetti degli eventi climatici e sarà presentato nel bando del Programma di Cooperazione transfrontaliera Italia-Francia Alcotra
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

AOSTA – Un progetto per mitigare gli effetti degli eventi climatici eccezionali, come la tempesta Alex che si è abbattuta anche sulla Valle d’Aosta il 2 e 3 ottobre scorso: si chiama “Rita – Risposta Impatti Tempesta Alex” e sarà presentato nel bando del Programma di Cooperazione transfrontaliera Italia-Francia Alcotra 2014/2020, in scadenza il prossimo 30 giugno.

Il progetto, costo complessivo di oltre un milione di euro, sarà coordinato dalla struttura Opere idrauliche dell’amministrazione regionale e si avvarrà di partner italiani e francesi: il Politecnico e il Cnr-Irpi di Torino, il Centro di Nazionale di Ricerca francese Inrae e l’Università della Savoia di Chambery.

Il territorio valdostano sarà studiato dagli istituti di ricerca coinvolti e si trasformerà in una sorta di “laboratorio a cielo aperto” utile a “definire le procedure di contrasto contro il dissesto geologico ricercando soluzioni operative tecnologicamente avanzate” per “migliorare la capacità di risposta del sistema regionale agli eventi calamitosi eccezionali”, come afferma l’assessore alle Opere pubbliche Carlo Marzi.

Tra le iniziative previste dal progetto, c’è l’aggiornamento della modellazione numerica di alcuni tratti della Dora Baltea e dei torrenti della valli laterali. I dati raccolti saranno utili per acquisire ulteriori informazioni sulla pericolosità idraulica correlata all’esondazione dei corsi d’acqua. Per la sua realizzazione, l’amministrazione regionale spenderà 450.000 euro, di cui 360.000 a carico della quota di autofinanziamento per la realizzazione di interventi di ripristino delle opere di difesa idraulica del territorio e 90.000 euro a carico dei contributi pubblici Fesr (per l’85%) e del Fondo di rotazione statale (per il 15%).

LEGGI ANCHE: Meno di 800 nati in Valle d’Aosta, l’Osservatorio: “Crollo preoccupa”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»