Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Nuovo murale di Harry Greb: un giocatore dell’Italia in ginocchio contro il razzismo

Harry Greb murale rione monti roma orizz
L'opera dello street artist, apparsa in una via del rione Monti, si riferisce alla polemica sul gesto degli azzurri agli Europei di calcio, che non si sono inginocchiati in omaggio al movimento 'Black Lives Matter'
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Un nuovo murale dell’artista Harry Greb è apparso quest’oggi a Roma, su un muro di via dei Neofiti nel rione Monti. Lo street artist, questa volta, ha voluto rappresentare un giocatore di colore dell’Italia, o meglio un omino del Subbuteo con la maglia azzurra staccato dalla sua piccola base semisferica che caratterizza le pedine del celebre gioco del calcio da tavolo – e su cui è scritto FIGC – inginocchiato con il pugno chiuso in omaggio al movimento ‘Black Lives Matter’, invece che nella sua tradizionale posizione statica.

LEGGI ANCHE: Vicino al Vaticano due guardie svizzere che si baciano: la nuova opera di Laika

Harry Greb murale rione monti roma

L’artista ha voluto così dire la sua in merito alla polemica che imperversa da giorni in Italia circa l’atteggiamento dei giocatori della Nazionale agli Europei di calcio. I giocatori italiani non si sono inginocchiati prima del fischio d’inizio della partita contro l’Austria, come invece fanno alcune altre Nazionali, mentre nel precedente match, contro il Galles, il gesto è stato compiuto da 5 Azzurri. Sulle spalle della maglietta del giocatore italiano disegnato da Greb c’è una scritta in inglese: “Do the right thing“, ovvero ‘Fa’ la cosa giusta’, a sua volta una citazione del celebre film di Spike Lee, altro paladino della lotta contro il razzismo.

LEGGI ANCHE: I politici al mare su ‘una banana’, nuovo murale di Greb a Roma

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»