Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Burkina Faso, il monito del presidente contro le donne che manifestano per la sicurezza

Roch Marc Christian Kaboré invita ad annullare i cortei in cui i partecipanti, in maggioranza donne sfollate e vedove di soldati o poliziotti uccisi da combattenti di gruppi ribelli, chiedono maggiore sicurezza: "Non metteranno fine al terrorismo"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Bisogna annullare le manifestazioni di protesta in programma nel prossimo fine-settimana perché “non metteranno fine al terrorismo”: è la posizione espressa dal presidente del Burkina Faso, Roch Marc Christian Kaboré, all’indomani di un corteo per chiedere sicurezza e protezione che si è tenuto a Kaya, nel nord-est del Paese. A questa manifestazione hanno preso parte perlopiù donne sfollate e vedove di soldati o poliziotti uccisi da combattenti di gruppi ribelli. Secondo giornalisti locali che hanno postato fotografie e video sui social network, alcune di loro sono animatrici della “Brigata verde” di Kaya e durante il corteo hanno mostrato scope.


Tra gli slogan su striscioni e cartelli anche “No all’insicurezza crescente” e “Vogliamo coltivare i nostri campi in pace”. Il corteo era stato convocato dopo un agguato nel quale la settimana scorsa erano stati uccisi 11 poliziotti e militari. A inizio mese, il 4 giugno, avevano suscitato sgomento le notizie giunte da Solhan, un villaggio del nord-est assaltato da un gruppo armato che aveva causato la morte di almeno 130 persone. Secondo Kaboré, “né le marce, né le pubblicazioni insidiose sui social media né gli appelli a mettere in discussione la nostra democrazia conquistata a caro prezzo ci consentiranno di porre fine al terrorismo nel nostro Paese”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»