Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

La 18enne aostana Sophie Riva trionfa nell’Enduro World Series

Sophie Riva a Canazei sul gradino più alto del podio
Si tratta del suo primo successo oltre i confini e della prima vittoria di un italiano nel massimo circuito internazionale della specialità di mountain bike
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

AOSTA – È il suo primo successo internazionale, tra enduro e downhill. È la prima vittoria di un italiano nell’Enduro World Series, il massimo circuito internazionale della specialità della mountain bike. Sabato 26 giugno, l’aostana Sophie Riva, 18 anni, ha trionfato a Canazei (Trento) tra le Under 21 nel secondo appuntamento del circuito. Riva, dell’Ancillotti Factory Team, ha vinto in modo netto nelle quattro prove speciali spalmate su due giorni, chiudendo con il tempo complessivo di 38’03″08, davanti alla neozelandese Jessica Blewitt (38’28″03) e alla britannica Polly Henderson (38’40″32).

Mercoledì, Canazei aveva ospitato la prima tappa del circuito, con Riva quarta nella gara vinta da Henderson. Dopo le prime due tappe del circuito, Riva è seconda nella generale con 185 punti, proprio alle spalle di Henderson che ne ha 215. Il prossimo appuntamento con l’Ews sarà in Valle d’Aosta, con due tappe giovedì 8 e domenica 11 luglio, a La Thuile.

LEGGI ANCHE: La campionessa di atletica Eleonora Marchiando strappa il pass olimpico per Tokyo

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»