Libia, Haftar si ritira da Garyan ma gli scontri continuano

L'offensiva dell'esercito fedele a Tripoli spinge le forze di Haftar a sud della capitale
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Haftar non può tornare a Garyan. Le forze fedeli al governo di unità nazionale hanno rafforzato le loro posizioni. Ancora si sentono spari ed esplosioni nella zona dell’aeroporto, ma gli uomini di Haftar hanno lasciato Garyan”. Così alla ‘Dire’ fonti a Qasr Bin Ghashir, località a sud di Tripoli.

Qui ieri, l’esercito fedele al premier Fayez Al-Serraj ha lanciato un’operazione militare “preparata da lungo tempo” per riprendere il controllo di una città chiave per i rifornimenti delle milizie del generale della Cirenaica. Impiegata anche l’aviazione, che ha bombardato diverse aree.

A Garyan, 90 chilometri a sud della capitale, per tornare alla normalità bisognerà però attendere: “La situazione non è tranquilla laggiù. La gente ha paura di fare ritorno” aggiunge la fonte.

Lo scorso aprile Khalifa Haftar ha lanciato un’offensiva a sud di Tripoli, con l’obiettivo di conquistare la città e l’aeroporto, e quindi rovesciare il Governo di Unità nazionale promosso dalle Nazioni Unite.

Nel conflitto oltre 90mila persone sono state costrette a lasciare le proprie case centinaia i morti tra i civili.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

28 Giugno 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»