Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Libri, ‘Nonno Mandela’ raccontato ai bambini dalla figlia Zindzi

Narra le vicende del primo presidente nero del Sudafrica attraverso il racconto dell'autrice ai suoi due nipotini, Zazi e Ziwelene, di otto e sei anni.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – In occasione dei cento anni dalla nascita di Nelson Mandela, che ricorrono il prossimo 18 luglio, Zindzi, figlia dello storico leader anti-apartheid, ha scritto un libro per bambini in uscita oggi in diversi Paesi del mondo. Si chiama ‘Grandad Mandela’ (‘Nonno Mandela’) e narra le vicende del primo presidente nero del Sudafrica attraverso il racconto dell’autrice ai suoi due nipotini, Zazi e Ziwelene, di otto e sei anni.

Il libro è destinato a un pubblico a partire dai cinque anni



Il libro, destinato a un pubblico a partire dai cinque anni, è illustrato da Sean Qualls, pluripremiato artista newyorkese di origini africane. “Quand’ero piccola non conoscevo il mio papà, perché quando è andato in prigione avevo solo 18 mesi” spiega Zindzi ai bambini all’inizio del libro. “Perché combatteva contro l’apartheid. E l’apartheid faceva questo: separava le persone bianche da quelle nere”. Oggi Zindzi Mandela è ambasciatrice del Sudafrica in Danimarca e fondatrice della ‘Mandela Legacy’. Il suo libro esce oggi in Sudafrica, Brasile, Stati Uniti e in diversi paesi europei.

Ti potrebbe interessare:

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»