Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

I floppy disk originali di Doom all’asta su Ebay

A venderli il game designer della serie originale John Romero
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

I floppy disk originali di Doom all’asta su EbayROMA – I floppy disk originali di Doom all’asta su Ebay. Una chicca per amanti dei videogame e collezionisti assolutamente da non perdere. Dietro la vendita il game designer della serie originale John Romero.

I floppy disk originali di Doom all’asta su Ebay

Doom è uno di quei videogiochi che hanno fatto la storia dell’intrattenimento per ragazzi. Uno sparatutto come non si erano mai vista prima. Spaventoso e splatter da incutere terrore negli stessi giocatori. Il suo essere un action game in prima persona lo rendeva unico nel suo genere. Uscito per Pc è, poi, sbarcato sulle principali console senza perdere, mai, lo smalto originale. Ora su Ebay sono apparsi i floppy disk originali di proprietà del disegnatore della serie John Romero.

Ancora qualche ora e poi asta chiusa

L’asta termina oggi quindi c’è ancora tempo per impossessarsi del prezioso cofanetto.  Al suo interno l’intero set di floppy della versione 1.7, la prima edizione assoluta del titolo. Dopo un ottantina di rilanci l’asta ha raggiunto i quasi tremila dollari. Il gioco, nella sua versione 1.7, uscì nel 1994 e si aggiudicò subito il premio Origin’s Awards per la categoria Miglior Gioco Fantasy.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»