Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Bari, prestiti con tassi fino al 1200% annui e “spedizioni punitive” per chi non paga

Le persone coinvolte nelle attività usurarie sono una novantina, ognuno con un compito preciso. Fondamentale la denuncia presentata da un imprenditore pugliese "caduto nelle mani di quattro clan"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BARI – Continuano le indagini dei finanzieri coordinati dalla procura di Bari sull’usura di prossimità in città e nel nord barese, che due anni fa hanno portato all’arresto di 13 persone. Da allora gli accertamenti investigativi sono proseguiti ed è emerso che sono stati elargiti prestiti con l’applicazione di tassi di interesse annui fino a oltre il 1200%. Importante è stata la denuncia presentata da un imprenditore pugliese in difficoltà finanziarie e “caduto nelle mani di quattro clan“. Per gli investigatori il “modus operandi” delle organizzazioni criminali è essenzialmente basato sull’uso di contanti sia da prestare sia da riconsegnare da parte della vittima. In alternativa ci sono gli assegni bancari: o privi dell’indicazione del beneficiario e da spendere in esercizi commerciali e intestati al titolare dell’attività economica che lo pone all’incasso, oppure assegni circolari intestati a persone vicine al gruppo criminale.

“Per dissimulare le tracce dei flussi di denaro generati dai prestiti usurari nei circuiti finanziari – spiegano gli investigatori – in alcuni casi la restituzione delle somme coinvolge i componenti del nucleo famigliare della vittima attraverso l’emissione a proprio nome di assegni”. In caso di insolvenza o di ritardi nella restituzione dei prestiti, i clan hanno organizzato “spedizioni punitive” a carico delle vittime. Le persone coinvolte nelle attività usurarie sono una novantina e ognuno con un compito preciso. Oltre ai vertici e agli esponenti di spicco dei clan, le attività investigative hanno messo in luce il ruolo degli “intermediari” (che hanno messo in contatto gli usurati con le singole organizzazioni criminali), dei beneficiari degli assegni circolari (contigui ai clan) e di coloro che hanno riscosso gli interessi o hanno eseguito le “spedizioni punitive”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»