A Torino i dehors sono pronti, ma mancano i clienti

I torinesi sembrano preferire la via della prudenza, almeno di giorno. E i tavolini del centro restano vuoti durante la pausa pranzo
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

di Adele Palumbo

TORINO – “Torino a cielo aperto” è pronta, i dehors ci sono, ma i torinesi sembrano preferire la via della prudenza, almeno di giorno. E i tavolini del centro restano vuoti durante la pausa pranzo. Complice la chiusura prolungata di Palazzo Nuovo e l’assenza di turisti, i locali di via Po appaiono più in difficoltà degli altri a ripartire. 

“Avevamo un dehors molto ridotto e con le nuove regole siamo riusciti ad ampliarlo- racconta Alessandro Furgato del bar Carpe Diem-, ma servono più clienti per tornare alla normalità“. 

E’ stata una ripartenza sotto tono anche per i locali di piazza IV marzo, generalmente affollatissimi anche durante la pausa pranzo. “Nessuno vuole più stare dentro” spiegano i camerieri di Casa Broglia. Non solo bar e ristoranti hanno sposato la politica di “Torino a cielo aperto”, allargandosi sotto i portici e nelle aree verdi in attesa che torni il flusso normale di clienti.

In via Po, ad esempio, alcuni negozi di scarpe e la farmacia dell’Università hanno predisposto delle panchine dove i clienti possono sedersi in attesa del proprio turno. Immancabile la scritta “Andrà tutto bene”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

28 Maggio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»