A Bologna tensione in via Fioravanti, Xm24: “Sgomberano il parco”

Ara: "Proprietà ha denunciato occupazione area, giusto intervenire"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

BOLOGNA – Dopo lo sgombero dell’Xm24 di via Fioravanti, a Bologna, si passa allo sgombero del parchetto adiacente all’immobile dove ora sono in corso i lavori per la realizzazione del progetto di cohousing voluto dal Comune di Bologna. Nel pomeriggio di oggi sul posto sono arrivati “vigili e Carabinieri per sgomberare anche il parco”, e’ il messaggio diffuso dagli attivisti dell’Xm24: “Anche qui, anche oggi, proprio nel giorno di mercato, l’ennesimo abuso di potere, l’ennesimo tentativo di farci scomparire. Non lasciamoci intimidire, raggiungeteci e presidiamo”. Dopo lo sgombero avvenuto lo scorso agosto, proprio di fianco al centro sociale e’ andato avanti il mercatino settimanale dell’associazione Campi Aperti. Nell’ultimo periodo, da piu’ parti e’ stata segnalato che in concomitanza del mercato nel parco si concentravano troppe persone per gli attuali standard di distanziamento anti-coronavirus. E con oggi si registra l’intervento delle Forze dell’ordine. Il consorzio privato a cui spettano le opere di urbanizzazione nell’area ex Mercato “ha fatto denuncia perche’ quel pezzo non e’ ancora passato al Comune ed e’ stato occupato abusivamente, quindi si sta provando a sgomberarlo di tavoli e sedie“, spiega alla ‘Dire’ il presidente del quartiere Navile, Daniele Ara. “Gli alberi saranno salvati, pero’ su quel luogo- continua Ara- da tempo c’era una denuncia”, presentata dal Consorzio Mercato Navile. “E’ chiaro che con il rischio di assembramenti dietro al mercatino, ora Questura e Prefettura hanno deciso di intervenire”, aggiunge il presidente del Quartiere. “Non so se si tratti di Xm24 pero’ li’ in pratica si era formato un accampamento con tavoli e sedie”, spiega ancora Ara: “In generale c’e’ sempre qualcuno, il giovedi’ ovviamente la situazione si moltiplica”.

LEGGI ANCHE: Sgombero di Xm24 alla caserma Sani di Bologna, gli attivisti contro Merola e il Pd

ARA: “SE CONTINUA COSI’ IL MERCATO RISCHIA DI ESSERE CHIUSO”

Per quanto riguarda la posizione dell’amministrazione, “noi siamo per la legalita’ e penso sia giusto sgomberare un accampamento abusivo in un’area che deve passare al Comune”, dichiara Ara. “E’ normale che accada quello che sta accadendo e spero che oggi si creino meno assembramenti- sottolinea il presidente del Navile- perche’ gli assembramenti danneggiano il mercato di Campi Aperti, se continua cosi’ il rischio vero e’ che si dovra’ chiudere il mercato ed e’ una cosa che vorrei evitare“. E’ un’ipotesi di cui si e’ gia’ discusso? “E’ un’ipotesi che c’e’ per tutte le attivita’, che siano bar o mercati: se davanti c’e’ della movida fuori controllo- afferma Ara- un provvedimento puo’ essere la chiusura”. Il rispetto delle regole, quindi, “e’ nell’interesse degli stessi imprendiori agricoli. Viviamo ancora in settimane di emergenza, a meno che non si pensi che le regole valgono per qualcuno e non per altri”. Intanto, “quell’area e’ di un consorzio privato che non ne puo’ piu’- conclude Ara- di vederla occupare e sporcare, anche perche’ poi quando dovra’ essere presa in carico dal Comune, ci vorra’ un collaudo e l’area dovra’ essere a posto”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

28 Maggio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»