Governo, quasi 3.000 firme in solidarietà a Mattarella

L' appello pubblico lanciato sul sito Progressi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Siamo cittadine e cittadini, italiani ed europei, indignati di fronte agli attacchi che alcuni esponenti politici stanno rivolgendo al Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. Il Presidente ha esercitato le proprie prerogative costituzionali rispetto alla formazione di un esecutivo che avrebbe rischiato di portarci fuori dalla moneta unica e cosi’ minacciare la stabilita’ economica e finanziaria del nostro Paese”. Cosi’ un appello pubblico lanciato sul sito Progressi, in poche ore vicino all’obiettivo di 3mila firma raccolte.
“La permanenza dell’Italia nel sistema monetario dell’Euro e dell’Europa nel suo complesso- si legge nel testo dell’appello- e’ un tema vitale per la nostra economia che non puo’ essere ridotto a propaganda politica di basso profilo senza un serio approfondimento in sede istituzionale. Al di la’ della questione Euro, cio’ che allarma maggiormente sono i toni eversivi che questi politici stanno usando contro la Presidenza della Repubblica e con essa contro tutte le istituzioni democratiche del Paese. Con questi attacchi irresponsabili al Quirinale stanno dando prova di disprezzo delle istituzioni e della democrazia che queste tutelano. Vogliamo inviare un messaggio di solidarieta’ e di stima al Presidente Mattarella, incoraggiandolo a proseguire nell’esercizio fermo della sua funzione. #iostoconMattarella“.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»