Liguria, Piemonte e Lombardia fanno sistema per il turismo sulle antiche vie romane

via romana liguria
Le tre regioni si uniscono per promuovere il nuovo distretto interregionale del benessere
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

GENOVA – Tre regioni, un’azienda turistica locale, cinque consorzi turistici, oltre 300 imprese e 63 agenzie di viaggio. Il mondo pubblico e privato della promozione turistica di Liguria, Piemonte e Lombardia fa sistema per promuovere il nuovo distretto turistico interregionale del benessere. Filo conduttore del nuovo pacchetto sono le antiche vie romane, che danno il nome al progetto di marketing territoriale “liquido” ViA(E), dieci proposte che spaziano dal bio ai monumenti Unesco, dall’outdoor all’enogastronomia e che, al momento, si concentrano su esperienze liguri e piemontesi. Ma il mercato di riferimento è quello del vecchio triangolo industriale Torino-Milano-Genova, allargato fino alla Costa Azzurra, per un potenziale di oltre sette milioni di turisti, raggiungibili con una comunicazione prettamente social. Nelle prossime settimane, il progetto si allargherà ad altre agenzie di viaggio e tour operator di Liguria e Lombardia ed entro il mese di ottobre sarà costituita la società di servizi che avrà il compito di intercettare le opportunità offerte dalla nuova programmazione europea e stringere altri accordi commerciali.

Via(E) è un meraviglioso progetto che offre ai turisti la possibilità di conoscere una Liguria e un Piemonte meno caotici e trafficati: ripercorrere le antiche vie è un modo per discostarsi dalla frenesia del mondo moderno”, commenta l’assessore al Turismo della Regione Liguria, Gianni Berrino. Per la sua collega piemontese Vittoria Poggio, “la forza di un territorio impegnato nella valorizzazione turistica e culturale delle proprie eccellenze riesce ad esprimersi al meglio quando trova l’unità d’intenti anche tra regioni affini da parte di tutti i protagonisti pur nella distinzione delle proprie specificità. Il lavoro di squadra deve essere l’orientamento a cui ispirarsi senza divisioni per esaltare i nostri patrimoni”.

LEGGI ANCHE: Tavole imbandite e ombrelli: la #protestaligure dei ristoratori in piazza a Genova

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»