Vertice in Prefettura con gli ambulanti: il governo valuta il congelamento della Bolkestein

protesta ambulanti roma
Secondo il ministro dello Sviluppo economico Giancarlo Giorgetti, l'esecutivo sta valutando un emendamento per mettere la situazione in stand-by almeno per tutta la durata dell'emergenza pandemica
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Ipotesi congelamento fino al termine dell’emergenza sanitaria per l’applicazione della direttiva Bolkestein che a Roma rimetterebbe a bando circa 12mila licenze dei venditori ambulanti. Si è concluso così, l’incontro in Prefettura a Roma tra i rappresentanti degli ambulanti in protesta da questa mattina sul Gra e a piazza della Repubblica, contro l’applicazione da parte di Roma Capitale della direttiva europea Bolkestein, così come voluto dalla sindaca Virginia Raggi. L’amministrazione capitolina, infatti, aveva dato mandato agli uffici di disapplicare la normativa nazionale che impone la proroga delle licenze agli esercenti fino al 2032, sulla base di un parere dell’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, scatenando le proteste della categoria, esplosa oggi nella Capitale.

Il Prefetto di Roma Matteo Piantedosi, incaricato dalla ministra dell’Interno Luciana Lamorgese, ha incontrato i rappresentanti dei manifestanti, come già accaduto a marzo scorso. Piantedosi, riportano all’agenzia Dire i partecipanti alla riunione, ha riferito di una rassicurazione pervenuta direttamente dal ministro dello Sviluppo economico, Giancarlo Giorgetti, il quale ha rassicurato gli ambulanti riferendo che il Governo sta valutando un emendamento a un provvedimento normativo di imminente scadenza al fine di prevedere almeno per tutta la durata dell’emergenza pandemica un congelamento della situazione.

Questo, secondo quanto si apprende dai partecipanti all’incontro in Prefettura, rimanderebbe la questione dell’applicazione della direttiva europea Bolkestein, almeno a dopo l’emergenza. I partecipanti fanno anche sapere che la notizia è stata confermata dallo stesso Giorgetti, durante una chiamata telefonica fatta al Prefetto Piantedosi durante l’incontro in Prefettura.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»