Roma, via al processo contro Casapound per l’occupazione dell’edificio in via Napoleone III

casapound
Tra i quindici imputati per invasione di terreni o edifici pubblici finalizzata all'occupazione esponenti di punta come Gianluca Iannone e Simone e Davide Di Stefano. Ma il processo viene subito rinviato
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – È iniziato ma è stato subito rinviato il processo per l’occupazione dell’immobile pubblico di via Napoleone III a Roma, da parte di diversi esponenti di Casapound. Quindici persone sono imputate – per invasione di terreni o edifici pubblici finalizzata all’occupazione – nel giudizio che si è aperto al Tribunale di Roma: tra queste gli esponenti di punta del movimento Gianluca Iannone, Alberto Palladino, Simone e Davide Di Stefano. Proprio la situazione sanitaria di quest’ultimo, in isolamento fiduciario per un contatto con un caso di Covid, ha portato il giudice monocratico a rinviare l’udienza a fine maggio. Il palazzo di proprietà dell’Agenzia del Demanio è sottoposto a sequestro preventivo da parte della Procura di Roma dal giugno scorso.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»