Merola: “Apro tutti i parchi, ma se non va li richiudo”

L'invito è a usare le aree verdi più vicine alla propria abitazione. I controlli aumenteranno
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

BOLOGNA – Dal 4 maggio i parchi e i giardini pubblici di Bologna riapriranno tutti. “Ma se non dovesse funzionare- avverte subito il sindaco Virginio Merola- sono pronto a richiuderli. Ho la responsabilità sanitaria di questa città ed è una responsabilità che ha funzionato finora soprattutto con il vostro aiuto”.

“Dal 4 maggio su disposizione del Governo- dice Merola in un video su Facebook- riapriranno tutti i parchi e i giardini pubblici della nostra città. Io vi invito ad andare soprattutto in quelli vicini alla vostra casa e al vostro Quartiere. Invito caldamente a non attraversare la città ma ad usufruire del verde pubblico a voi più vicino. Le aree gioco saranno chiuse, come da decreto”. Il sindaco segnala anche che “potenzieremo i controlli, con la nostra Polizia locale e con la Polizia di Stato, le sanzioni saranno immediate”. Ma, aggiunge Merola, la cosa più importante “è che, come avete dimostrato finora, il miglior sistema di controllo è la vostra responsabilità personale, la virtù civica di questa città”. Tutti devono comprendere bene che “non è finita l’emergenza legata al coronavirus, affronteremo una fase incerta- sottolinea Merola- e quindi è molto importante che ciascuno di voi mantenga le misure di distanziamento sociale previste dal decreto”. Dunque, sarà possibile “finalmente andare a passeggiare nel verde, in particolare per i nostri bambini e bambine, ma la cosa essenziale è che voi comprendiate che non c’è dittatura che tenga- continua il sindaco- perchè occorre che continuiate a fare i bolognesi, a comportarvi come finora, anzi aumentando le precauzioni: mantenendo le distanze e soprattutto sono vietati gli assembramenti“. Agli ingressi delle aree verdi, anticipa Merola, saranno affissi dei cartelli con le misure da osservare.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

28 Aprile 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»