Conte: “Riaperture su base scientifica, non godo a tenere limitazioni”

Il premier in visita a Lodi parla della fase 2 e del lockdown: "Mi spiace abbia creato malumori"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “Abbiamo seguito sin qui un metodo, non possiamo permetterci adesso di procedere con avventatezza e improvvisazione. Molti cittadini saranno rimasti delusi, mi spiace, ma il nostro obiettivo e’ tutelare la salute di tutti i cittadini, non possiamo accantonare questo obiettivo da una settimana all’altra”. Lo dice il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, parlando a Lodi.

LEGGI ANCHE: Fase 2, la Germania allenta le misure e i contagi ripartono: mai così male da metà marzo

“Con questo progetto- continua- che ha una base scientifica, far tornare al lavoro 4 milioni e mezzo di persone e’ un rischio calcolato. Io non godo affatto a tenere il Paese ancora limitato, ma per adesso dobbiamo ancora procedere cosi'”.

“Dal 4 maggio 4,5 milioni torneranno a lavorare usando mezzi pubblici e anche mezzi privati”. Quindi “cresceranno le occasioni di contagio. Ed e’ una delle ragioni cui le scuole devono rimanere chiuse”, precisa il premier.

LEGGI ANCHE: Francia, dietrofront di Macron sulla ‘fase 2’: scuole chiuse come in Italia

“Stiamo monitorando la risposta del mondo bancario, abbiamo predisposto tutto perche’ vengano erogati i finanziamenti. Molti istituti si stanno adoperando per assecondare la filosofia del provvedimento, chiediamo uno sforzo al mondo bancario perche’ possa erogare la liquidita’ alle imprese che hanno bisogno rispettando le nostre indicazioni: cercate di fare in modo di venire incontro a queste richieste, liberate queste risorse”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

28 Aprile 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»