Sull’autocertificazione: “Esco per comprare droga”, arrestato a Reggio Calabria

Si è giustificato così un uomo di Rosarno durante un controllo dei carabinieri durante il quale è stato trovato in possesso di 24 grammi di cocaina pronta per la vendita e 500 euro in contanti
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

REGGIO CALABRIA – “Sono uscito per necessità, dovevo comprare la droga”, si è giustificato così un uomo di Rosarno (Reggio Calabria) già noto alle forze dell’ordine per reati di spaccio di stupefacenti, fermato ad un controllo dai carabinieri nel corso di attività stradali nel territorio di Taurianova. Insospettiti dall’orario serale e dall’andamento anomalo dell’autovettura dell’uomo i militari hanno deciso di bloccare la macchina ed eseguire un controllo accurato, nel corso del quale sono state ritrovate una busta contenente circa 24 grammi di cocaina pronta per la vendita e circa 500 euro in contanti in banconote di vario taglio, verosimile frutto dell’attività illecita di spaccio.
Durante il controllo, l’uomo ha anche tentato di liberarsi dell’involucro, gettandolo a terra, ma poi, prontamente notato, ha tentato di giustificarsi sostenendo fossero ‘solo’ 20 grammi di cocaina”.
Caratterizzante del periodo è stata anche la giustificazione scritta nell’autocertificazione per lo spostamento da Rosarno a Taurianova, nella quale l’uomo ha dichiarato che “doveva spostarsi per poter reperire la cocaina”. Il soggetto è stato quindi arrestato in flagranza di reato per la detenzione ai fini di spaccio di cocaina e condotto nella casa circondariale di Palmi.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»