Terrorismo, arrestato congolese: operava in cellula a Berlino, contatti con l’attentatore dei mercatini di Natale

In manette anche un marocchino che è già stato espulso dall'Italia: l'accusa è associazione con finalità di terrorismo internazionale
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
Lutumba Nkanga

ROMA – La base della cellula terroristica, aderente all’ideologia dello Stato islamico e composta di 11 membri, era a Berlino, ma alcuni militanti si muovevano anche in Italia, o ci erano passati. Come i due stranieri, un congolese e un marocchino, arrestati dalla Digos di Brindisi (uno dei due espulso dall’Italia) nell’ambito di un’indagine antiterrorismo condotta dalla Dda di Lecce e dalla Procura nazionale antimafia e antiterrorismo. In manette è finito Lutumba Nkanga, 27 anni, di origine congolese e residente in Germania e passato per il Centro di Permanenza per rifugiati di Restinco (Brindisi): secondo la Digos, farebbe parte di una cellula salafita operante a Berlino. Per lui l’accusa è di  associazione con finalità di terrorismo internazionale . La stessa che ha portato all’arresto di  Soufiane Amri, 22enne marocchino, che è stato espulso dal territorio italiano: anche lui, per gli investigatori, faceva parte della cellula di Berlino e tra l’altro è risultato essere in contatto con il tunisino Anis Amri, autore dell’attentato al mercatino di Natale a Berlino lo scorso 19 dicembre 2016. I poliziotti della Digos di Brindisi hanno accertato la totale adesione all’ideologia dello Stato Islamico sia di Nkanga che di Amri.

L’attività investigativa condotte dalla Digos della Questura di Brindisi si è svolta sotto la direzione della Procura della Repubblica presso la Dda di Lecce e della Procura nazionale antimafia e antiterrorismo. Le attività tecniche hanno permesso di riscontrare il loro percorso di radicalizzazione religiosa e la disponibilità al compimento di atti violenti, anche con il sacrificio personale, in diversi scenari operativi. Le indagini – sviluppate con il coordinamento del Servizio Centrale Antiterrorismo della Dcpp/Ucigos e il supporto del Servizio Cooperazione Internazionale di Polizia che ha in particolare assicurato il raccordo con le Autorità tedesche – hanno tra l’altro consentito di individuare e neutralizzare le progettualità della cellula, composta da ben 11 membri. Maggiori dettagli verranno forniti in occasione di una conferenza stampa che si terrà alle ore 11 presso la Direzione Antimafia di Lecce.

SALVINI: ARRESTI A BRINDISI, #TUTTIACASA CON BUONE O SENZA

“Terrorismo, arrestati a Brindisi un 27enne del Congo e un 22enne del Marocco. In attesa di integrarsi e di pagarci le pensioni, pare stessero preparando un attentato. Grazie a Boldrini, Saviano e filo-invasori vari. #tuttiacasa con le buone o senza”. Lo scrive su facebook Matteo Salvini, segretario Lega nord.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»