hamburger menu

Terrorismo, la ‘rete nera’ ignorata e più organizzata che mai

Il giornalista Luca Mariani presenta il libro 'Rete nera. Non ci sono lupi solitari' per fare luce sul fenomeno, poco conosciuto, dell'eversione suprematista e xenofoba

libro luca mariani

ROMA – “C’è un filone terrorista che non vuole l’Unione europea, che vuole cacciare i migranti dall’Europa e che per queste ragioni uccide. Hanno un disegno politico, scrivono dei manifesti, leggono gli stessi siti e si elogiano reciprocamente, ma tutto questo è nascosto all’opinione pubblica, che non conosce i fatti. Eppure parliamo di centinaia e centinaia di morti”. Così Luca Mariani, giornalista parlamentare dell’Agi ed esperto di terrorismo di estrema destra, che a questo tema ha dedicato un libro appena pubblicato da Futura Edizioni: ‘Rete nera. Non ci sono lupi solitari‘ il titolo.

L’agenzia Dire lo ha intervistato in occasione della presentazione alla libreria Libraccio di via Nazionale a Roma. Oltre all’autore, ci saranno il deputato del Partito Democratico (Pd), Walter Verini, e il missionario e scrittore padre Giulio Albanese. A moderare il giornalista Andrea Ferro. Previste letture dell’attore Mario Podeschi. Al centro dell’incontro, l’eversione “suprematista e xenofoba”, ribadisce Mariani. Il saggio segue un “filo nero” che si dipana in tutto il mondo ma che parte da Utoya, un’isola norvegese a 30 chilometri da Oslo dove il 22 luglio 2011 il militante suprematista Anders Breivik, ricorda Mariani, “uccise 69 adolescenti socialisti e laburisti, con l’idea di estirpare alla radice le loro idea a favore del multiculturalismo e della società aperta”.

L’autore prosegue: “La molla è stato questo evento, insieme alla consapevolezza che tutti conoscono gli attentati del Bataclan o dell’11 settembre e la loro matrice islamista, ma in pochi conoscono gli attentati di Utoya, di Christchurch o di El Paso, e la loro matrice di estrema destra“. Il tema è poco noto e interpretato il più delle volte come la manifestazione di “pazzi” o “lupi solitari”. La realtà, come suggerisce il titolo del libro di Mariani, è diversa.

“C’è un movimento alle loro spalle, ci sono delle ideologie comuni e i responsabili di questi attentati si citano, si elogiano e si prendono fra loro come fonti di ispirazione“, spiega il giornalista, che poi amplia la visuale, di nuovo a partire da Breivik. “Nel suo manifesto fa nomi e cognomi dei partiti amici, di cui il più forte è ‘Russia Unita’ del presidente Vladimir Putin – dice Mariani – Movimenti, quelli menzionati, che per il suprematista scandinavo possono servire a prendere il potere negli Stati europei soprattutto nell’ottica di cacciare gli immigrati entro il 2083, 400esimo anniversario del fallito assedio ottomano di Vienna”.

FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2022-03-28T14:59:18+02:00