Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Bonaccini: “Nessuna regione può acquistare vaccini senza l’ok dell’Ema”

stefano bonaccini
E sui sanitari contrari alla vaccinazioni dichiara: "Inserire una norma per cui chi si rifiuta va a svolgere un'altra mansione"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA –  “Non manca l’organizzazione, mancano le dosi”, dichiara il governatore dell’Emilia Romagna e presidente della Conferenza delle Regioni, Stefano Bonaccini, a Mezz’ora in più su Rai3, parlando del piano vaccinale.  “Nessuna regione può acquistare vaccini senza l’autorizzazione di Ema o Aifa”, precisa Bonaccini sull’ipotesi che qualche regione acquisti il vaccino Sputnik. “Nessuno può acquistarle, anche volendo”, conclude.

LEGGI ANCHE: La Regione Campania acquisterà il vaccino russo Sputnik

BONACCINI: “INFERMIERI E MEDICI DEVONO ESSERE VACCINATI”

 “Infermieri e medici devono essere vaccinati. È scandaloso che chi deve tutelare la propria vita e quella degli altri rimanga al suo posto se non si vuole vaccinare, sarebbe clamoroso che restasse al suo posto”, dichiara Bonaccini per il quale bisogna “inserire una norma per cui chi si rifiuta di vaccinarsi va a svolgere un’altra mansione“.

BONACCINI: “ENTRO APRILE TUTTI ULTRA 80ENNI IMMUNIZZATI

“In Emilia Romagna entro fine aprile tutti gli ultra 80enni saranno vaccinati con le due dosi”, assicura il Bonaccini.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»