Coronavirus, da ieri 889 morti e 1.434 guariti. In terapia intensiva ci sono 3.856 persone

Borrelli spiega che sul conto corrente della Protezione civile sono stati raccolti 61 milioni di euro, di cui oltre 7 milioni già spesi per le mascherine
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “Sono 889 i morti da ieri”. Lo dice Angelo Borrelli, capo della Protezione Civile, in conferenza sul coronavirus. I guariti da ieri sono 1.434 persone, per un totale di 12.384 dall’inizio dell’epidemia.

Sono 3.856 le persone in terapia intensiva“, dice ancora Borrelli, mentre “sono 70.065 i pazienti attualmente positivi, 3.651 in più da ieri”.

“RIFLESSIONE SU MISURE, C’È VALUTAZIONE TECNICA”

“Credo ci debba essere un’attenta riflessione perchè il Paese è fermo. Presto saranno prese ulteriori decisioni, siamo vicini alla fatidica data del Dpcm che dovrà uscire. Il governo prenderà le sue decisioni sulla base di una valutazione tecnica del Comitato scientifico”, spiega Borrelli.

“SENZA MISURE SITUAZIONE SAREBBE STATA INSOSTENIBILE”

“Senza le misure intraprese avremmo ben altri numeri, registreremmo difficoltà ancora più drammatiche negli ospedali. La situazione sarebbe stata insostenibile”, dice Borrelli.

“PIÙ TAMPONI? DECIDE ISS, DA IERI INCREMENTO 8%”

“Siamo arrivati a circa 429mila tamponi, è l’8% in più di ieri. La strategia di analisi è legata alle indicazioni che dà l’Istituto superiore di sanità”. Lo dice Angelo Borrelli, capo della Protezione Civile, in conferenza sul coronavirus.

SU C/C RACCOLTI 61 MLN, 7 USATI PER MASCHERINE

“Abbiamo raccolto sul conto corrente 61 milioni di euro, abbiamo già speso oltre 7 milioni per l’acquisto di mascherine”, spiega Borrelli.

“7.714 INFERMIERI HANNO RISPOSTO A BANDO”

“Abbiamo ricevuto 7.714 domande per il bando da infermieri”. Lo dice Angelo Borrelli, capo della Protezione Civile, in conferenza sul coronavirus.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

28 Marzo 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»