L’avvocato di chi prepara la protesta in piazza: “Le famiglie sono disperate”

Il Governo "ha emesso ordini che privano la libertà personale senza garantire e dare gli aiuti di sostentamento a queste persone, che rischiano di morire di fame"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Scendere in piazza per protestare contro “il Governo che non aiuta i poveri”. Violando, con una manifestazione nelle strade, le misure di restrizione imposte dall’emergenza Coronavirus. E’ l’idea di ‘rivolta’ di chi racconta di avere perso lavoro e qualsiasi forma di reddito, e di essere ormai in ginocchio.

Famiglie in estrema difficoltà, in particolare al Sud. Persone che sarebbero pronte a tutto. “Sono migliaia i messaggi che mi sono giunti da tutta Italia per uno ‘sciopero’ contro il Governo- ha detto l’avvocato Luca Di Carlo, che sta raccogliendo le storie di disagio per organizzare la protesta- Ci sono famiglie messe agli ‘arresti domiciliari’ che non possono più lavorare e non hanno nulla da mangiare”.

LEGGI ANCHE: Renzi: “Riaprire le fabbriche prima di Pasqua”

“Il Governo- ha continuato il legale- ha emesso ordini che privano la libertà personale senza garantire e dare gli aiuti di sostentamento a queste persone, che rischiano di morire di fame. Di conseguenza, in stato di necessità, si è costretti allo sciopero generale per tutelare il diritto alla vita, che vale anche di fronte a una emergenza sanitaria. Quindi, con un atto d’urgenza, il Governo, come ha privato i cittadini della libertà, ora deve aiutare gli italiani poveri a sopravvivere”.

Di Carlo, conosciuto come ‘L’avvocato del Diavolo’, ha raccontato il contenuto di alcuni dei messaggi che gli sono giunti: “‘Mia figlia piccola mangia solo pane e marmellata, e tra qualche giorno finirà anche questo’. Oppure, ‘La prossima volta che uscirò per procurarmi del cibo sarà senza soldi, perché non ne ho più. Vediamo come farò…’. E ‘io e mia moglie sono tre giorni che non mangiamo, siamo disperati'”.

Ecco, ha concluso il legale, “queste sono famiglie che non hanno più nulla per vivere ma hanno voglia di lottare”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

28 Marzo 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»