Messico, gli zoologi in campo: “Salviamo la lucertola alligatore”

Nella riserva San Josè gli studiosi stanno monitorando i comportamenti dei maschi e delle femmine del rettile
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – La lucertola alligatore arborea e il gufo avetero figurano tra le specie a rischio estinzione che gli esperti dello Stato messicano del Chiapas proveranno a salvare grazie a un nuovo studio.

Secondo gli zoologi, i fattori che contribuiscono a determinare la scomparsa di almeno 12 specie di animali all’interno del Parco didattico San José sono molteplici: la deforestazione, l’espansione urbana incontrollata e, nel caso della lucertola alligatore, il contrabbando di specie rare.

Secondo Manuel Aranda, il biologo del Parco, la lucertola alligatore è anche vittima dei timori che suscita. “In molti – ha detto l’esperto – pensano che l’animale sia velenoso e lo uccidono“.

Nella riserva gli studiosi stanno monitorando i comportamenti e gli spostamenti dei maschi e delle femmine del rettile.

A rischio anche il gufo avetero, ancora poco conosciuto dal punto di vista storico e biologico. Gli esperti hanno fissato sugli alberi delle scatole. La speranza, secondo Aranda, è “che i gufi vi si stabiliscano per poter osservare come si comportano durante l’accoppiamento e quanti pulcini nascono“.

Nel 2015 il Parco è stato proclamato stazione biologica: gli animali selvatici possono essere studiati per le ricerche, la conservazione e il reinserimento delle specie.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»