Brexit, l’esperto: “Scontro Londra-Scozia sembra inevitabile”

ROMA - Dopo la Brexit, si accende il dibattito
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Dopo la Brexit, si accende il dibattito su un nuovo referendum per l’indipendenza della Scozia ed “Uno scontro tra il governo britannico e quello scozzese sembra inevitabile“. John Curtice, docente di politica all’università di Strathclyde a Glasgow vede una profonda divisione tra Edimburgo e Londra.

A poche ore dal voto del parlamento scozzese che, secondo molti osservatori, darà il via libera alla richiesta di un nuovo referendum per l’indipendenza dal Regno Unito, e mentre la premier Theresa May si prepara a invocare l’articolo 50 del Trattato di Lisbona che domani innescherà l’iter per il divorzio del Regno Unito dall’Unione europea, Curtice spiega che un accordo tra la premier scozzese Sturgeon e Theresa May è “quasi impossibile”. “Il Regno Unito vuole lasciare il mercato unico e interrompere la libera circolazione delle persone mentre la Scozia vuole restare nella Ue e accettare libertà di movimento”, dice l’esperto.

Né il governo britannico, secondo Curtice, sembra dare segni di volere accomodare le richieste scozzesi durante i prossimi negoziati. “Un referendum sembra inevitabile- ha detto ancora- probabilmente nel 2020, in contemporanea con le elezioni generali britanniche. La Sturgeon lo vorrebbe prima, entro la primavera 2018, ma la May ha detto di non essere d’accordo e per chiamare gli elettori a nord del vallo di Adriano alle urne ci vuole l’ok di Westminster. I sondaggi, per ora, danno in vantaggio gli scozzesi che vogliono rimanere nel Regno Unito con il 54%”, la conclusione dell’esperto.

www.agensir.it

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»