Da nove mesi senza stipendio, i lavoratori dell’Aias in sciopero della fame

L'associazione che in Sardegna da lavoro a circa 1.200 persone (solo 300 nel Sulcis)
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

CAGLIARI – Secondo giorno di sciopero della fame per un gruppo di dipendenti dell’Aias di Cortoghiana, Domusnovas e Assemini (Sud Sardegna), da mesi sul piede di guerra per il mancato pagamento delle ultime nove mensilità da parte dell’associazione che si occupa delle persone in situazione di handicap.

Sull’argomento è intervenuto stamane in Consiglio regionale, prima dell’inizio della discussione della manovra finanziaria, il capogruppo di Sinistra per la democrazia e il progresso, Daniele Cocco, chiedendo all’assessore regionale alla Sanità di riferire in aula sulla situazione dell’associazione che in Sardegna da lavoro a circa 1.200 persone (solo 300 nel Sulcis). “Esprimo a nome del gruppo solidarietà ai dipendenti Aias che stanno manifestando anche con forme estreme di protesta- speiga Cocco-. Chiedo all’assessore Arru che subito dopo la finanziaria, venga in aula a riferire su questa drammatica situazione”.

di Andrea Piana, giornalista professionista

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»