A Centocelle si apre una voragine di 20 metri

Si trova nel viale di collegamento tra due palazzine popolari, evacuati gli abitanti
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA  – Si è aperta una voragine in via di Centocelle, alla periferia della Capitale. E’ profonda circa 20 metri, larga tre,  e si trova nel viale di collegamento tra due palazzine popolari.

Le persone che abitano nella zona interessata sono state evacuate. La voragine si sarebbe aperta in  seguito a crolli dovuti a perdite d’acqua da una tubatura.

voragine_centocelle

Le reazioni dei politici

GUIDO BERTOLASO – “Centocelle è la metafora dell’abbandono di Roma, una città che sprofonda per colpa della cattiva politica”. Lo ha scritto su twitter Guido Bertolaso, candidato sindaco, pubblicando anche una foto.

GIORGIA MELONI –  “Questa mattina Fratelli d’Italia ha effettuato un sopralluogo in via di Centocelle a Roma dove si è aperta una voragine tra due palazzine di case popolari. Da giorni i cittadini, allarmati da una sospetta perdita d’acqua, sollecitavano l’intervento delle autorità competenti per evitare un disastro annunciato. Ma nessuno si è degnato di fare qualcosa e ora 14 famiglie sono per strada. E molte di queste sono costrette a dormire in macchina per la paura che la loro casa venga occupata abusivamente. Le periferie romane sono ormai terra di nessuno e quello di Centocelle non è né il primo né l’ultimo caso. Basta chiacchiere: a Roma servono investimenti adeguati per prevenire degrado e incuria, che mettono a rischio l’incolumità dei romani. A partire dal rafforzamento dell’Ufficio di Prevenzione rischio idrogeologico del Comune di Roma, che in questi ultimi anni è stato al contrario fortemente ridimensionato”. Lo scrive su Facebook il presidente di Fratelli d’Italia e candidato sindaco di Roma, Giorgia Meloni, pubblicando una foto del sopralluogo degli esponenti di FdI Roma in via di Centocelle.

ALFIO MARCHINI – “La voragine di Centocelle fotografa una situazione kafkiana: mentre i partiti si interrogano su centrodestra e centrosinistra la città sprofonda. E come sempre, nessun responsabile. Anzi, tutti a cercare di resuscitare i due grandi responsabili del disastro di Roma. È tempo di andare oltre i vecchi schemi”. Lo scrive su facebook Alfio Marchini.

 

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»