Conti pubblici, Morando: “Non c’è bisogno di manovre correttive”

"C'è bisogno invece di seguire con grande attenzione l'evoluzione della situazione economica e quindi anche dei conti pubblici", spiega il vice-ministro dell'Economia Enrico Morando
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

SOLDIROMA   – “Non c’è bisogno di manovre correttive, c’è bisogno invece di seguire con grande attenzione l’evoluzione della situazione economica e quindi anche dei conti pubblici perché è chiaro che siamo in una situazione dove gli elementi di instabilità e quindi di incertezza si vengono accentuando”. Cosi’ il vice-ministro dell’Economia Enrico Morando, ad Affaritaliani.it. Quanto al capitolo pensioni e ai possibili interventi sulla flessibilità in uscita Morando afferma: “Per il momento non ci sono elementi nuovi. Può essere che, come ci siamo impegnati a fare, qualcosa accada più avanti nei prossimi mesi, ma ad oggi non ci sono novità“.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»