NEWS:

Kanye West e Ty Dolla $ign citati in giudizio dagli eredi di Donna Summer: ecco perché

C'entra un brano, poi rimosso dalla tracklist, di "Vultures 1"

Pubblicato:28-02-2024 11:04
Ultimo aggiornamento:28-02-2024 11:04
Autore:

FacebookLinkedInXEmailWhatsApp

ROMA – La fondazione (e quindi gli eredi) di Donna Summer hanno citato in giudizio Kanye West e Ty Dolla $ign, la coppia del momento della musica hip hop internazionale. I due hanno recentemente pubblicato il primo disco congiunto, “Vultures 1”.

RICHIESTA RIFIUTATA

I familiari dell’artista scomparsa nel 2012 contestano proprio uno dei brani del progetto, successivamente rimosso dalla tracklist e dalle piattaforme. Si tratta di “Good (Don’t Die)”. Il suddetto pezzo contiene un campionamento non autorizzato di “I feel love”.

I due rapper, secondo quanto scritto nella causa, hanno chiesto il permesso circa un mese fa, quindi poco più di una settimana prima del rilascio di “Vultures 1” (uscito il 9 febbraio). La richiesta non ha avuto riscontro positivo. I familiari della Summer hanno, insomma, valutato che non avrebbero tratto alcun beneficio dalla riproduzione del sample nel disco di un artista ritenuto controverso (Kanye).


Il sample della canzone è, invece, stato concesso lo scorso anno a Beyoncé, la quale lo ha inserito nella traccia di chiusura di “Renaissance”, “Summer Reinassance”.

“A fronte di tale rifiuto- come si legge nel documento riportato da Rolling Stones USA- gli accusati hanno deciso in modo arrogante e unilaterale di usare ‘I Feel Love’ senza alcuna autorizzazione. Hanno rifatto quasi alla lettera le parti chiave e memorabili della canzone e le hanno usate come hook del loro pezzo, che hanno poi pubblicato pur sapendo di non avere ottenuto il permesso dai legittimi proprietari e consci di non avere alcun diritto legale di agire in questo modo”.

Si parla, perciò, di “violazione intenzionale di copyright”. I familiari ora chiedono ‘giustizia’, ma la causa “non riguarda solo il mancato pagamento della licenza per l’utilizzo di una proprietà musicale altrui. Riguarda anche il diritto di un artista di decidere come le proprie opere vengono utilizzate e presentate al pubblico, e la necessità di impedire a chiunque di rubare opere creative quando non può assicurarsi il diritto di usarle legalmente. In questo caso specifico, si tratta di proteggere l’eredità musicale di Donna Summer e una delle canzoni più influenti e innovative della musica popolare”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it