Sardegna bianca, da lunedì 1 marzo ristoranti aperti fino alle 23

Solinas: "Oggi, dopo la conquista della zona bianca, è necessario un sistema di controlli negli accessi di porti e aeroporti"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

CAGLIARI – “Faremo una riapertura graduale fin da subito delle attività di ristorazione, con la possibilità di apertura serale per la cena fino alle 23, la possibilità per i bar di restare aperti fino alle 21 e la riapertura nei fine settimana dei centri commerciali. Stiamo studiando uno slittamento del coprifuoco con la limitazione al solo stazionamento, e quindi alla sosta presso piazze, lungomare e belvedere, in maniera tale che si possa comunque circolare liberamente”. Così il presidente della Regione Sardegna, Christian Solinas, annunciando un’ordinanza che regolamenterà le aperture graduali delle attività commerciali nell’isola, dopo il riconoscimento di zona bianca arrivato dal ministero della Salute.

“Un grande risultato, raggiunto con sacrificio di tutti sardi, del personale sanitario, di tutti quelli impegnati in questa dura battaglia contro il virus- sottolinea Solinas- che però dobbiamo mantenere. Per questo non dobbiamo abbassare la guardia, dobbiamo continuare a rispettare tutte le buone norme di condotta, dall’igienizzazione al distanziamento, fino all’utilizzo di tutti quegli strumenti necessari ad evitare una nuova diffusione virale”. Il governatore si sofferma poi sui controlli in porti e aeroporti per chi arriva sull’isola: “Il modello che noi avevamo proposto già un anno fa all’inizio della prima ondata, oggi è diventato, come dicevamo allora e nonostante tutti gli attacchi e gli sberleffi subiti, una linea di tendenza internazionale che anche l’Unione europea sta perseguendo. Oggi, dopo la conquista della zona bianca, è necessario un sistema di controlli negli accessi di porti e aeroporti, che certifichi che chi arriva non porti con sé una nuova diffusione virale. Quindi una certificazione del test o esecuzione di un test rapido una volta giunti in Sardegna”.

LEGGI ANCHE: Sardegna zona bianca, Solinas: “Test e tamponi a chi arriva”

I VACCINI

Infine sui vaccini: “La Sardegna è la prima regione del Paese ad aver raggiunto il risultato della zona bianca, può diventare un laboratorio, un modello per tutta l’Italia. Scriverò al presidente del Consiglio, Mario Draghi, chiedendo che ci sia un impegno straordinario. Visto anche il numero ridotto di popolazione che abbiamo qui in Sardegna, si potrebbe avviare una grande campagna che ci porti nell’arco dei prossimi 30-45 giorni a vaccinare l’intera popolazione”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»