Brignone vince il SuperG ed eguaglia Deborah Compagnoni

federica brignone
Il suo tempo è di 1'14"61 ed è irraggiungibile per chiunque
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Nel superG di Val di Fassa arriva la prima vittoria stagionale e la sedicesima in carriera per Federica Brignone (come Deborah Compagnoni, l’italiana più vincente di sempre fin qui), che si scrolla di dosso le difficoltà del periodo con una prova di gran classe e di grande volontà e mette in pista tutto ciò che ha cercando ed ottenendo il successo. Il suo tempo è di 1’14″61 ed è irraggiungibile per chiunque. Infatti, la seconda classificata è Lara Gut-Behrami, che vince la coppa di specialità, è comunque staccata di 59 centesimi. Al terzo posto c’è Corinne Suter, a 72, e poi tanta Italia, con Elena Curtoni quarta a 78, Francesca Marsaglia quinta a 83 e Marta Bassino sesta a 86. Bel risultato per Roberta Melesi, 18esima con il pettorale 35. Teresa Runggaldier è 40esima, mentre sono uscite Laura Pirovano, Federica Sosio e Nadia Delago. Gara contassegnata dalle brutte cadute della norvegese Kajsa Lie e dall’austriaca Rosina Schneeberger, trasportate in elicottero all’ospedale di Trento.

BRIGNONE: “SODDISFATTA, UN BEL TRAGUARDO AVER RAGGIUNTO COMPAGNONI

“La cosa migliore è sempre cercare di vivere in serenità e dare il massimo. Oggi sono riuscita a farlo. Sono riuscita a fare quello che faccio in allenamento e sono davvero soddisfatta. Il risultato è importante perché è quello che rimane scritto, e io ne avevo bisogno perché era da un po’ di tempo che non arrivava. Quando non succede per molto tempo, poi diventa tutto più difficile”. Lo ha detto Federica Brignone, commentando la vittoria nel superG che ha chiuso il programma di Coppa del Mondo in Val di Fassa. 

Oggi sono contenta, per la mia prestazione e per avera fatta in Italia- ha continuato l’azzurra- Si vedeva che il tracciato era abbastanza filante, e bisognava cercare di continuare sempre a fare velocità. Oggi bisognava avere la fiducia di tenere le punte in giù. Riuscire oggi a tirare fuori il mio massimo per me è davvero importante. Avere raggiunto Deborah Compagnoni è un bel traguardo, ma non è l’ultimo traguardo. Ho voglia di fare ancora tanto in questo sport, i miei sogni sono ancora tanti“. 
Elena Curtoni, per un niente giù dal podio, ha spiegato: “Sono decollata sul dosso, probabilmente avrei dovuto controllare di più. Lì ho perso tempo. Non ho ben capito se ho sbagliato linea o se ero semplicemente veloce. Poi ho spinto, ed è andata così. Comunque complessivamente è stata una buona gara. Il bilancio stagionale è positivo perché ho trovato la continuità. Sono migliorata anche in superG”. 

Quinto posto per Francesca Marsaglia: “Ho avuto giornate difficili, non ero riuscita a trovare il giusto feeling. Oggi è stata una buona gara, col senno di poi avrei potuto tirare ancora di più. Sono vicina al podio, questione di centesimi, ed è la seconda volta quest’anno. Questo però mi dà la voglia di continuare a lavorare anche quando le cose vanno storte”. 

Subito dopo Marta Bassino: “Ero vicina, ho preso tanto nella parte finale, dove sapevo di poter lasciare qualcosa- ha concluso l’azzurra, finita al sesto posto- Però sono lì vicina al podio e quindi sono contenta. Mi sono divertita a sciare su questa pista, veramente ben preparata. Sono contenta per la squadra in generale, perché ci voleva e fa sempre bene”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»