fbpx

Tg Scuola, edizione del 28 febbraio 2020

CORONAVIRUS. MINISTRO ISTRUZIONE: “ECCO TUTTE LE MISURE PER LA SCUOLA”

Dai viaggi di istruzione, alla didattica a distanza nelle scuole dove le attività sono sospese per l’emergenza sanitaria. È stato firmato il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri con ulteriori misure di contenimento dell’epidemia, comprese quelle per il mondo della scuola. In particolare sono sospesi fino al 15 marzo 2020 i viaggi d’istruzione, le iniziative di scambio o gemellaggio, le visite guidate e le uscite didattiche programmate dalle istituzioni scolastiche. È possibile esercitare il diritto di recesso come previsto dal codice del turismo. Fino al prossimo 15 marzo la riammissione nelle scuole di ogni ordine e grado per assenze dovute a malattia di durata superiore a cinque giorni avverrà solo dietro presentazione di certificato medico. I dirigenti scolastici delle scuole in cui l’attività didattica è stata sospesa per l’emergenza sanitaria possono attivare, modalità di didattica a distanza, ponendo particolare attenzione alle specifiche esigenze degli studenti con disabilità.

ROMA, GLI STUDENTI E IL CORONAVIRUS: NON SIAMO PREOCCUPATI, PECCATO PER LE GITE

La paura da Coronavirus sta attraversando tutta l’Italia, ma gli unici a non preoccuparsi sembrano essere i giovani. L’agenzia Dire ha intervistato infatti alcuni studenti romani che si sono detti tranquilli. Sentiamo le opinioni dei ragazzi.

QUARTO ANNO DI LICEO A RONDINE, ISCRIZIONE ANCORA APERTE

Un anno per apprendere una cultura comune del dialogo e della legalità, che trasforma e supera i conflitti, all’insegna dell’internazionalità. È il Quarto anno di liceo a Rondine un percorso riconosciuto dal ministero dell’Istruzione come progetto di sperimentazione per l’innovazione didattica, un’opportunità educativa, formativa e di studio rivolta a giovani talentuosi e meritevoli di tutta Italia, che frequenteranno la classe quarta dei licei classico, scientifico e delle scienze umane. Il bando per l’anno scolastico 2020/2021 è ancora aperto. Ecco cosa è stata per Benedetta la sua esperienza a Rondine.

DONNE IN ARMI? PER I RAGAZZI È NORMALE

Sono passati 20 anni dalla legge 380 del 1999 che ha aperto anche alle donne l’accesso alle forze armate. Un tempo non sufficiente per eliminare del tutto gli stereotipi legati alle donne in uniforme, ma abbastanza perché il fenomeno sia ritenuto normale dalle giovani generazioni. L’Agenzia di stampa Dire ha intervistato ragazzi e ragazze in tutta Italia per capire quale sia il loro rapporto con le Forze Armate.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Guarda anche:

28 Febbraio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»