fbpx

Tg Psicologia, edizione del 28 febbraio 2020

CORONAVIRUS. TASK FORCE CNOP IN AIUTO COLLEGHI E CITTADINI

Fornire il supporto della professione alle Autorità, fornire indicazioni ai cittadini sulla gestione psicologica del problema, fornire indicazioni agli psicologi. L’Esecutivo nazionale dell’Ordine degli psicologi ha costituito una task force in relazione al tema Coronavirus, coordinata dal presidente David Lazzari e composta dai membri dell’Esecutivo e dai referenti delle associazioni o reti psicologiche attive nella Protezione Civile. Inoltre Lazzari ha scritto al presidente del Consiglio Conte e al ministro della Salute Speranza per fornire il contributo degli Psicologi per la gestione della comunicazione relativa al problema.

5G, SIPNEI: NESSUNA FORMA VITA POTRÀ EVITARE ESPOSIZIONE

“Se i piani del settore delle comunicazioni per il 5G si realizzeranno, nessuna persona, animale, uccello, insetto o pianta sulla terra sarà in grado di evitare l’esposizione 24 ore al giorno, 365 giorni l’anno, a frequenze decine o centinaia di volte maggiori di quelle esistenti oggi. Non ci sarà alcuna possibilità di fuga in nessun luogo del pianeta, questa è la dimensione del fenomeno del 5G”. A dirlo è Francesco Bottaccioli, fondatore Sipnei, riprendendo gli studi di Fiorella Belpoggi, direttrice dell’Istituto Ramazzini di Bologna che interverrà al IV congresso Sipnei.

REMS, PECCHIOLI: TRANSITORIETÀ STRUTTURE A RISCHIO. DSM CENTRALE

“Molte persone negli Opg erano detenute impropriamente. Si parlava di ‘ergastoli bianchi’, di individui che in assenza di colpa venivano abbandonati” all’interno di queste strutture, che assomigliavano più a istituti di pena che a ospedali. Ora, anche nelle Rems “questo rischio si ripropone se non si collegano i processi e se non si danno ai servizi risorse, strumenti, idealità”. Il rischio della perdita del carattere di transitorietà delle Rems, stabilito dalla legge, “c’è. Anzi, in alcuni casi sta diventando un’evidenza”. Ne parla Vanni Pecchioli, psicologo e membro del Coordinamento della Regione Lazio dei centri diurni riabilitativi.

SCHIZOFRENIA, SOPSI: PROGNOSI SCARSA PER UN PAZIENTE SU 5

“La schizofrenia è probabilmente la malattia più grave tra i disturbi mentali, ne è affetto circa l’1% della popolazione generale ma una quota di questa è relativamente resistente ai trattamenti: il 15-20% dei pazienti ha infatti una scarsa prognosi”. Ne parla alla Dire Alessandro Rossi, presidente Sopsi nel corso del XXIV congresso nazionale a Roma.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Guarda anche:

28 Febbraio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»