Cultura, Franceschini: “Stanziati 740 milioni, in totale 4 miliardi e 200 milioni”

"Interventi importanti in quattro grandi citta' del sud: Taranto, Palermo, Napoli, Cosenza"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Dal Cipe 740 milioni di euro alla cultura. In totale, negli anni del dicastero Franceschini, gli stanziamenti passano da 37 milioni a 4 miliardi e 200 milioni.

“E’ stata una riunione del Cipe molto importante per la cultura e per il turismo: abbiamo approvato un piano di 740 milioni con interventi sul patrimonio culturale di tutto il paese”, spiega il ministro dei Beni culturali Dario Franceschini interpellato a Palazzo Chigi.  “Ci sara’ un intervento importante nei 4 centri storici di quattro grandi citta’ del sud, Taranto, Palermo, Napoli, Cosenza, che hanno bisogno di riqualificazione nel cuore delle citta’. E poi ci saranno interventi sui beni culturali in tutta Italia, e un intervento nuovo a favore del turismo per la promozione, attraverso il cinema e lo spettacolo dell’immagine dell’Italia nel mondo”.

L’investimento deliberato oggi “porta le risorse destinate ai beni culturali dai 37 milioni che ho trovato in un piccolo capitolo di bilancio all’inizio dell’esperienza di governo 4 anni fa- spiega Franceschini- agli oltre 4 miliardi e 200 milioni di euro di interventi gia’ stanziati, con oltre 1500 cantieri gia’ partiti in tutta Italia. E’ una grande svolta che ha messo la cultura e il turismo al centro delle scelte strategiche del paese”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»