Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Elezioni, M5s: “Il nuotatore Fioravanti sarà nostro ministro dello sport”. Lui: “Emozionato”

L'annuncio di Alessandro Di Battista che scherza: "Ora Berlusconi dirà che a rana ha fatto un tempo migliore"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Domenico Fioravanti, il nuotatore piu’ medagliato del nuoto azzurro, qualora il M5s andasse al governo, sara’ il nostro ministro dello sport. Di Maio ha chiesto la sua disponibilita’ e lui ha accettato”. Cosi’ Alessandro Di Battista nel corso della presentazione del programma sport dei 5 stelle a Pescara.

FIORAVANTI: GRANDE ONORE E PRIVILEGIO RICOPRIRE QUESTA CARICA

“Scusate un pizzico di emozione, non capita tutti i giorni di ricevere cosi’ tanto affetto. Sara’ un grande onore e un privilegio ricoprire questa carica, ma al tempo stesso una grande responsabilita’. Mi reputo un uomo di sport ma al servizio dello sport”. Lo dice Domenico Fioravanti, prendendo la parola dopo l’annuncio di Alessandro Di Battista, che lo ha indicato come futuro ministro dello sport del governo M5s.

DI BATTISTA: BERLUSCONI DIRÀ CHE A RANA FATTO TEMPI MIGLIORI

Fioravanti sara’ il nostro ministro dello sport, ora “gia’ partiranno le critiche dai rosiconi d’Italia e Berlusconi dira’ che ha fatto dei tempi migliori in rana di Domenico Fioravanti”. Lo dice in un video pubblicato su facebook Alessandro Di Battista (M5s).

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»