Alcoa, Landini a Cagliari: “Marzo decisivo, non si perda tempo”

CAGLIARI - "La vicenda Sulcis e Alcoa in particolare è
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

CAGLIARI – “La vicenda Sulcis e Alcoa in particolare è centrale, abbiamo avuto nei giorni scorsi un incontro con il ministro Calenda e il mese di marzo potrebbe essere quello decisivo per favorire l’ingresso di una nuova multinazionale. Non c’è tempo ulteriore da perdere, è importante nel mese che verrà mettere in campo, se necessario, anche le pressioni utili perché questo processo vada nella direzione opportuna”. Lo spiega il segretario nazionale della Fiom Maurizio Landini, oggi a Cagliari per approfondire, davanti ai delegati, le parti innovative del contratto collettivo firmato lo scorso novembre.

“Sono ormai 10 anni che i lavoratori di quell’area si stanno battendo per impedire la cessazione delle attività- sottolinea Landini ai giornalisti-. Quando parlo di interesse nazionale, lo sottilineo perché sarebbe davvero assurdo che un Paese come il nostro, uno dei più grandi importatatori di alluminio, favorisse la chiusura delle aziende che lo producono. Sono queste le contraddizioni che vanno evitate”. Se si ragiona di Sardegna, spiega il segretario nazionale, “c’è la necessità di avere un’idea di sviluppo e di crescita, oltre a quello industriale, anche di altri settori come l’agricoltura. Ma insisto: non si possono lasciare a fare questo i singoli territori, serve un piano e una visione nazionale, che finora non c’è stata“.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»