Usa, Verdi: “Trump deve capire che non sta giocando a Risiko”

Secondo i Verdi l'aumento delle spese militari da parte di Trump è una "repentina e drastica inversione di marcia" che deve preoccupare tutti
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Desta preoccupazione e sgomento la decisione di Trump di aumentare le spese militari investendo 54 miliardi di dollari, sottraendoli innanzitutto allo sviluppo delle politiche ambientali e, inoltre, all’investimento sui ministeri e agli aiuti ai Paesi esteri” – dichiarano i coordinatori dell’Esecutivo dei Verdi Angelo Bonelli e Fiorella Zabatta” che proseguono: “Con 54 miliardi si può dare cibo, acqua, ospedali e istruzione per i prossimi anni ai popoli poveri del mondo. Il mondo ha impiegato decenni prima di riuscire a sviluppare una piena coscienza di salvaguardia ambientale, e la strada è ancora lunga: la notizia che la più grande potenza mondiale abbia deciso una così repentina e drastica inversione di marcia è un dato allarmante per i cittadini di ogni angolo del globo.

È assurdo che mentre sempre più Paesi si sono convertiti alla tutela dell’ambiente come patrimonio dell’umanità ed hanno compreso da tempo che la green economy è una delle migliori forme di sviluppo e di occupazione si debba assistere al drastico taglio delle risorse per la difesa e lo sviluppo dell’ambiente e a favore di investimenti in spese militari.” “Alla preoccupazione – spiegano gli ecologisti – per l’impatto che questa scelta potrebbe avere sulle politiche ambientali mondiali, se ne aggiunge un’altra tutt’altro che secondaria: anziché muoverci verso un futuro di pacificazione la via della militarizzazione rischia di rompere un equilibrio internazionale già di per sé molto fragile.” “Il presidente Trump- concludono Bonelli e Zabatta – dovrebbe capire che no sta giocando a Risiko: è al governo della prima potenza mondiale, e scelte così insensate potrebbero avere ripercussioni gravissime su tutto il mondo per molti anni a venire.”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»