hamburger menu

Militare morto per un tumore da amianto, Tar del Lazio: “Ministero della Difesa risarcisca gli eredi”

Il maresciallo capo Giuseppe Lazzari di Torre Annunziata è deceduto nel 2013, all'età di 46 anni, per mesotelioma pleurico

maresciallo_amianto_torre annunziata-min

NAPOLI – Il Tar del Lazio ha condannato il ministero della Difesa al risarcimento del danno subito dal maresciallo capo Giuseppe Lazzari di Torre Annunziata (Napoli) che nel 2013, all’età di 46 anni, è deceduto per mesotelioma pleurico nel servizio nell’esercito italiano dal 1992 al 2010, con missioni anche all’estero in territori contaminati da fibre di amianto e con radiazioni per l’uso di proiettili all’uranio impoverito. La sentenza “non definitivamente pronunciando sul ricorso” fissa “per la prosecuzione della trattazione, l’udienza pubblica del 17 giugno 2022”.

Il ministero – spiega una nota dell’osservatorio nazionale amianto – aveva rigettato le domande della vedova e degli orfani, ancora minorenni all’epoca della morte del papà. La loro vicenda era giunta all’osservatorio e all’avvocato Ezio Bonanni che hanno sostenuto la famiglia nella lunga vicenda giudiziaria, dieci anni di battaglie legali, prima al tribunale di Pescara per il riconoscimento dello status di vittima del dovere e successivamente al Tar del Lazio con la pronuncia di riconoscimento della causa di servizio, passata in giudicato il 26 gennaio 2022, e l’altra, decisione di questi giorni, che condanna anche al risarcimento del danno.

È stato sancito – evidenzia la nota – il fatto che, oltre alle fibre di amianto, anche le radiazioni e le nanoparticelle di uranio impoverito legate ai proiettili e alla loro esplosione sono dannose per la salute e provocano il mesotelioma. La causa prosegue per l’opposizione del ministero a risarcire e perché bisogna determinare l’importo del danno.
Oltre all’uranio impoverito, nel corso della sua vita lavorativa Lazzari era stato esposto all’asbesto presente nelle cucine da campo utilizzate nelle missioni all’estero, nei mezzi corazzati usati negli spostamenti. La presenza di amianto è stata accertata, inoltre, negli elicotteri impiegati dall’esercito italiano.

“In tutte queste situazioni – è stato più volte ribadito in sentenza – il militare avrebbe operato privo di dispositivi di protezione e non sarebbe mai stato informato della presenza di agenti patogeni […]”.
Ora il Tar del Lazio, oltre a richiamare il principio per cui “l’imprenditore è tenuto ad adottare nell’esercizio dell’impresa le misure necessarie che, secondo la particolarità del lavoro, l’esperienza e la tecnica sono necessarie a tutelare l’integrità fisica e la personalità morale dei prestatori di lavoro”, in particolare, in relazione ai militari, ribadisce il “dovere dell’amministrazione della Difesa di proteggere il cittadino-soldato da altre forme prevedibili e prevenibili di pericoli non strettamente dipendenti da azioni belliche, […] dotandolo di equipaggiamento adeguato”.

“Questo processo è stato anche un motivo per ricordare di mio marito – ha commentato la vedova, Anna Odore, che sottolinea – ho voluto portare avanti la sua volontà di abbattere un sistema che negava gli effetti derivanti dall’amianto e dall’uranio impoverito”.

FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2022-01-28T12:33:51+02:00