Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

A Milano botanica e architettura si intrecciano nel nuovo Pirellino

pirellino progetto milano
Coima sgr, società indipendente leader nella gestione patrimoniale di fondi di investimento immobiliare per conto di investitori istituzionali, assegna a Diller Scofidio + Renfro (DS+R) e Stefano Boeri Architetti il concorso internazionale di architettura per l’edificio di via Pirelli 39
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

MILANO – Coima sgr, società indipendente leader nella gestione patrimoniale di fondi di investimento immobiliare per conto di investitori istituzionali, assegna a Diller Scofidio + Renfro (DS+R) e Stefano Boeri Architetti il concorso internazionale di architettura per l’edificio di Via Pirelli 39, indetto il 25 novembre 2019 secondo linee guida condivise con il Comune di Milano. Il progetto è stato presentato oggi dal Ceo di Coima Manfredi Catella, Elizabeth Diller (DS+R) e Stefano Boeri (Stefano Boeri Architetti).

Pirelli 39, chiamato anche ‘Pirellino‘, è collocato al centro dell’area Porta Nuova Gioia fra la stazione Centrale, a est, e scalo Farini, a ovest, e rappresenta il punto di accesso a Porta Nuova, provenendo da nord verso il centro città. La sua riqualificazione, come spiegano da Coima, “si inserisce nel processo di rigenerazione dell’area su scala di quartiere iniziato con Gioia 22 e che si completerà nei prossimi anni con lo sviluppo dei progetti di Pirelli 35 e Gioia 20″. Oggi l’immobile, dismesso dal Comune di Milano nel marzo 2015 e venduto all’asta nel 2019- aggiudicata da Coima per 194 milioni- rappresenta quella che dalla società chiamano “una frattura urbana”, che interrompe le diverse parti dei quartieri circostanti. L’edificio infatti è privo di certificazioni di sostenibilità, non conforme alle norme anti-sismiche, inefficiente per un uso moderno e con problemi strutturali, di inquinamento e degrado ambientale-urbanistico-edilizio.

Sono stati dunque elencati i temi principali per lo sviluppo dell’area, come “la composizione delle parti della Biblioteca degli Alberi oggi separate da Via Melchiorre Gioia”, l’estensione della qualità degli spazi pedonali di Porta Nuova verso nord, Stazione Centrale e scalo Farini, il riuso edilizio, “privilegiato rispetto a demolizione e ricostruzione”. La previsione è di attivare più di 5.000 posti di lavoro a fronte di 500 milioni di valore aggiunto dopo investimenti totali di oltre 1 miliardo di euro, per 270.000 mq di superfici sviluppate o rigenerate, 20.000 mq di aree pubbliche e 3.600 m di percorsi ciclopedonali. “Il nostro progetto riporta in vita un nobile edificio (l’ex Pirellino), propone una torre dove la Botanica si intreccia con l’architettura e inventa con il nuovo Ponte/Serra uno spazio verde aperto a tutta la città”, afferma Boeri.

Con il Pirellino salgono a oltre 280 i raggruppamenti che hanno partecipato ai concorsi indetti da Coima negli ultimi 10 anni. Dopo avere sviluppato progetti di rigenerazione urbana per un valore economico di oltre 5 miliardi di euro, dalla società fanno sapere di avere in cantiere “progetti urbani strategici per ulteriori 3 miliardi di euro”.

LEGGI ANCHE: Riaprono le scuole a Milano: tanti in bici, il tpl regge bene

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»