Tg Pediatria, edizione del 28 gennaio 2021

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

– COVID, SIGENP: CELIACI NON SONO MAGGIORMENTE A RISCHIO INFEZIONE

“La celiachia non rappresenta un rischio per l’aumento dell’infezione da Covid-19. È stato creato un registro internazionale per riportare tutti i casi di associazione tra malattia celiaca e virus. In Italia abbiamo registrato 14 casi, due di questi hanno avuto bisogno di ospedalizzazione”. Lo afferma Elena Lionetti, biologa nutrizionista dell’azienda ospedaliera universitaria ‘Ospedali Riuniti Ancona’.

– INFEZIONI URINARIE, SINEPE: NEL 2020 CROLLATE DIAGNOSI BIMBI

Per i bambini le infezioni urinarie sono le più comuni e questo è un dato che rimane immutato anche in tempi di pandemia. Nel 2020, però, “sono crollate le diagnosi delle infezioni urinarie febbrili rispetto al biennio 2018-2019”, passando da un 36% dei casi diagnosticati nel 2018, e 41% nel 2019, al solo 23% del 2020. Parte da qui Laura Cesca, pediatra presso l’Ospedale di Santa Maria degli Angeli di Pordenone, per illustrare i risultati dello studio osservazionale, retrospettivo e multicentrico portato avanti dalla Sinepe.

– MENINGOCOCCO B, LA VIROLOGA: VACCINAZIONE PRECOCE RADDOPPIA EFFICACIA

“L’impatto del protocollo vaccinale contro il meningococco B con inizio precoce è circa doppio di quello con inizio tardivo, perché il picco di incidenza è tra il quarto e l’ottavo mese ed è qui che si verifica il maggior numero dei casi di meningite. Proprio per questo in Veneto si perdono dei casi, che vuol dire perdere bambini”. A dirlo è Chiara Azzari, responsabile del laboratorio di Immunologia dell’Azienda ospedaliera universitaria Meyer di Firenze.

– SIP TOSCANA: CON PANDEMIA SALE RISCHIO EPIDEMIA SOVRAPPESO E OBESITÀ

“Rischiamo che il Covid-19, la pandemia del ventunesimo secolo, accentui ulteriormente l’epidemia di sovrappeso e obesità del terzo millennio”. A dirlo è Loredana Santori, pediatra Sip della Toscana, mostrando i dati emersi da uno studio sull’impatto del lockdown primaverile sull’indice di massa corporea dei bambini della Valdichiana Senese.

– BRONCHIOLITE, BOZZOLA (SIP): SCOMPARSA CON MISURE ANTICOVID

Tra gli effetti collaterali del Covid, questa volta in positivo, c’è la scomparsa della bronchiolite, la patologia associata al virus respiratorio sinciziale che colpisce in particolare i bambini sotto i 2 anni di vita. “A partire da ottobre, e con un picco tra gennaio e febbraio, eravamo abituati a vedere le corsie degli ospedali pieni di bambini con insufficienza respiratoria o con problemi comunque correlati a un quadro di bronchiolite. Quest’anno, invece, all’ospedale pediatrico Bambino Gesù nessun tampone fatto da ottobre a oggi è risultato positivo al virus respiratorio sinciziale”. A tracciare il quadro è Elena Bozzola, segretario nazionale della Sip.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»