Siracusa, influencer denunciata per video su Tik Tok: istigazione al suicidio

tik tok social
Scoperto un video in cui lei e un uomo si avvolgevano il viso completamente con del nastro isolante rischiando il soffocamento
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

PALERMO – Una donna della provincia di Siracusa è stata denunciata dalla polizia postale di Firenze per istigazione al suicidio. Scoperto un video su Tik Tok in cui lei e un uomo si avvolgevano il viso completamente con del nastro isolante rischiando il soffocamento e l’emulazione da parte dei giovani follower.

Il profilo della donna, di 48 anni, è stato monitorato dalla polizia postale di Firenze che ha segnalato il video al Cncpo del Servizio polizia postale di Roma: da qui la rimozione delle immagini, che erano visibili a tutti gli utenti senza restrizioni, dalla piattaforma. Gli agenti hanno inoltre accertato che, nel tempo, l’influencer aveva pubblicato altri video simili grazie ai quali aveva ottenuto molta popolarità e l’attenzione di 731mila follower di ogni età. In uno dei post pubblicati dalla 48enne, un utente scriveva: “Ciao, se mi saluti giuro mi lancio dalla finestra”. Da qui la decisione di emettere un provvedimento urgente per eseguire una perquisizione, anche informatica, e il sequestro degli account social, eseguiti materialmente dalla polizia postale di Catania.

LEGGI ANCHE: Minori, dopo Tik Tok Garante Privacy apre fascicolo su Facebook e Instagram

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»