A maggio alla Fiera di Roma c’è Codeway: ‘Connettiamo le imprese’

Boccali (Comitato promotore): "Con territori, enti e ong"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “Vogliamo essere il luogo fisico dell’incontro, creare le connessioni per fare le cose” spiega all’agenzia Dire Wladimiro Boccali, del Comitato promotore di Codeway. L’appuntamento, in programma a Roma dal 13 al 15 maggio, è presentato come “fiera dedicata ad aziende e buyer del settore profit della cooperazione internazionale“. Una formula, secondo Boccali, destinata a tradursi concretamente non tanto in conferenze, dibattiti e approfondimenti quanto piuttosto in “relazioni” tra soggetti che possono e devono fare sinergia. L’orizzonte è quello prefigurato dalla legge 125/2014, quella che ha riformato la cooperazione italiana allo sviluppo aprendo al ruolo delle imprese profit accanto a quello di enti pubblici e ong.

Boccali parla di Codeway come di “strumento operativo” del nuovo quadro normativo, partendo dalla constatazione che “in questi primi tre anni di bandi sono state diverse decine le imprese private che hanno partecipato”. Con loro in prima fila ong ed enti territoriali, Comuni e Regioni, definiti “un altro soggetto fondamentale che il legislatore ha voluto individuare”. L’impegno, dal 13 al 15 maggio, nei padiglioni di Fiera di Roma, sarebbe “far parlare tra loro questi soggetti”, “metterli insieme” e “capire come si può costruire una strategia”. Ancora Boccali: “Con Codeway vogliamo creare connessioni, puntando quest’anno su tre filoni prevalenti che sono l’energia, le infrastrutture e l’agribusiness“. Temi di riferimento sui quali, spiegano alla Dire, saranno chiamati a lavorare soggetti come Banca europea per gli investimenti (Bei), Banca mondiale e Cassa depositi e prestiti (Cdp), l’architrave finanziaria del sistema di cooperazione prefigurato dalla legge.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

28 Gennaio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»