In un libro la storia del piccolo puparo e del presidente della Cina

La presentazione a Palazzo Reale di Palermo. L'iniziativa è stata promossa dal presidente dell'Ars Gianfranco Miccichè
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

PALERMO –  Uno degli uomini più potenti al mondo e il piccolo Antonio Cadili, puparo di 9 anni.

Non è la trama di un film, ma il racconto che Antonio ha racchiuso nel libro ‘Il Presidente Xi e Antonio’, presentato a Palazzo Reale di Palermo, in sala Mattarella. Un diario che ripercorre le emozioni vissute dal ‘cuntista’ davanti al presidente Xi Jinping: dal primo incontro a Palazzo Reale al viaggio in Cina.

Dopo i saluti del presidente dell’Ars, Gianfranco Micciché, che ha promosso l’iniziativa, sono intervenuti Angela Fundarò Mattarella, presidente Inner Wheel Palermo Normanna, e il piccolo Antonio che, con disinvoltura, ha condotto la serata e incantato gli ospiti.

“Ci siamo conosciuti due anni fa e da allora siamo diventati amici – ha detto Miccichè -. Antonio mi ha fatto uno dei più bei regali che io abbia mai ricevuto: ha composto una melodia e l’ha dedicata a me, il suo ‘amico dal cuore grande‘, come ormai è solito chiamarmi. Sono davvero emozionato – ha aggiunto – perché non mi è mai capitato di conoscere un bambino che mette così tanta passione in tutto ciò che fa. Grazie, piccolo grande fenomeno”.

Il libro, con la prefazione del giornalista Felice Cavallaro, è un diario dei giorni che precedettero l’arrivo del presidente Xi Jinping e sua moglie, Peng Liyuan, a Palermo, l’esibizione davanti alla coppia presidenziale e l’invito in Cina. Il piccolo puparo a novembre è volato, infatti, al Festival internazionale delle marionette a Quanzhou, nel Fujian.

Un’occasione per regalare al presidente Xi la copia numero uno del suo libricino e una sua melodia per pianoforte, dal titolo ‘L’abbraccio’, a lui dedicata. Presente all’iniziativa anche l’editore del libro, Antonio Liotta, della casa editrice Medinova.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

28 Gennaio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»