In un libro la storia del piccolo puparo e del presidente della Cina

La presentazione a Palazzo Reale di Palermo. L'iniziativa è stata promossa dal presidente dell'Ars Gianfranco Miccichè
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

PALERMO –  Uno degli uomini più potenti al mondo e il piccolo Antonio Cadili, puparo di 9 anni.

Non è la trama di un film, ma il racconto che Antonio ha racchiuso nel libro ‘Il Presidente Xi e Antonio’, presentato a Palazzo Reale di Palermo, in sala Mattarella. Un diario che ripercorre le emozioni vissute dal ‘cuntista’ davanti al presidente Xi Jinping: dal primo incontro a Palazzo Reale al viaggio in Cina.

Dopo i saluti del presidente dell’Ars, Gianfranco Micciché, che ha promosso l’iniziativa, sono intervenuti Angela Fundarò Mattarella, presidente Inner Wheel Palermo Normanna, e il piccolo Antonio che, con disinvoltura, ha condotto la serata e incantato gli ospiti.

“Ci siamo conosciuti due anni fa e da allora siamo diventati amici – ha detto Miccichè -. Antonio mi ha fatto uno dei più bei regali che io abbia mai ricevuto: ha composto una melodia e l’ha dedicata a me, il suo ‘amico dal cuore grande‘, come ormai è solito chiamarmi. Sono davvero emozionato – ha aggiunto – perché non mi è mai capitato di conoscere un bambino che mette così tanta passione in tutto ciò che fa. Grazie, piccolo grande fenomeno”.

Il libro, con la prefazione del giornalista Felice Cavallaro, è un diario dei giorni che precedettero l’arrivo del presidente Xi Jinping e sua moglie, Peng Liyuan, a Palermo, l’esibizione davanti alla coppia presidenziale e l’invito in Cina. Il piccolo puparo a novembre è volato, infatti, al Festival internazionale delle marionette a Quanzhou, nel Fujian.

Un’occasione per regalare al presidente Xi la copia numero uno del suo libricino e una sua melodia per pianoforte, dal titolo ‘L’abbraccio’, a lui dedicata. Presente all’iniziativa anche l’editore del libro, Antonio Liotta, della casa editrice Medinova.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»