Mascherine a ruba per il Coronavirus, Omceo Roma: “Psicosi, cittadini stiano tranquilli”

"In caso di febbre alta o sintomi influenzali rivolgersi a medico famiglia, non al Pronto Soccorso"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “In questo momento c’è una psicosi, come purtroppo spesso accade in casi del genere. Proprio per questo stiamo cercando di dare informazioni utili per quello che riguarda lo stato dell’arte sul Coronavirus. Ma i cittadini devono stare tranquilli: in caso di febbre alta o sintomi influenzali basta rivolgersi al proprio medico di famiglia, perché lui sa cosa fare. Non bisogna andare al pronto soccorso perché si ha la febbre o la tosse, insomma, altrimenti in casi di emergenza si creerebbe un problema di affollamento delle strutture”. Risponde così il presidente dell’Ordine dei medici di Roma, Antonio Magi, interpellato dall’agenzia Dire in merito alla notizia relativa alle mascherine protettive andate esaurite nelle farmacie di Roma e Milano.

LEGGI ANCHE

Coronavirus, tutto quello che c’è da sapere. I consigli del ministero

Coronavirus, ponte aereo per rimpatriare gli italiani bloccati in Cina. Primo caso confermato in Germania

Coronavirus, rafforzati controlli a Fiumicino e Malpensa

“Al momento non ci sono casi segnalati in Italia- ha proseguito Magi- e la situazione è sotto controllo”. Per dare supporto al cordone sanitario nei porti e negli aeroporti, ma anche al numero verde 1500 attivato dal ministero della Salute, ha ricordato poi Magi, l’Ordine dei medici di Roma “ha messo a disposizione circa 40 medici specialisti ambulatoriali e circa 24 medici di medicina generale. La loro formazione è iniziata domenica e credo che presto, probabilmente oggi stesso, uscirà l’ordinanza per cui saranno già operativi”. Qualora i cittadini dovessero rivolgersi anche all’Ordine per avere informazioni, ha concluso infine il presidente, “noi siamo disponibili a fornirgliele”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

28 Gennaio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»