Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Facebook cancella il video di Salvini che citofona a Bologna: “Incita all’odio”

Ne ha dato notizia su twitter Cathy La Torre, avvocata che si occupa della difesa di Yassin
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

MILANO – “Facebook ha rimosso il video in cui Salvini citofona a Yassin, bollandolo come spacciatore e rovinandogli la vita. Lo abbiamo detto sin dall’inizio che quello non era un comportamento lecito, ma incitamento all’odio. Questo è un segnale importantissimo. Ma non ci fermiamo qui”. Così, su twitter, Cathy La Torre, attivista e avvocatache si occupa della difesa del ragazzo del quartiere Pilastro a Bologna.

LEGGI ANCHE:

VIDEO | Salvini citofona a una famiglia tunisina in periferia a Bologna: “Lei spaccia?”

Bufera sul blitz di Salvini al citofono, vola l’hashtag #Salvinicitofona

A Milano il M5s citofona alla Lega: “Avete qui i 49 milioni?”

VIDEO | D’Alema: “Salvini che citofona evoca il fascismo, non è diverso da chi scrive ‘Hier Juden’”

Facebook ha rimosso il video in cui Salvini citofonava a Yassin, bollandolo come spacciatore e rovinandogli la vita. Lo abbiamo detto sin dall’inizio che quello non era un comportamento lecito, ma incitamento all’odio. Questo è un segnale importantissimo. Ma non ci fermiamo qui. pic.twitter.com/YU80aFfdaZ

— Cathy La Torre ?️‍? (@catlatorre) January 28, 2020

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»