VIDEO | Brasile, la multinazionale Vale sotto accusa per il crollo della diga di Brumadinho

https://youtu.be/8Uo0NQ8mCFA ROMA - Beni per 11 miliardi di reais, oltre due miliardi e mezzo di euro, sono stati sequestrati alla multinazionale
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Beni per 11 miliardi di reais, oltre due miliardi e mezzo di euro, sono stati sequestrati alla multinazionale brasiliana Vale a seguito del cedimento della diga nello Stato di Minas Gerais che ha provocato decine e forse addirittura centinaia di morti.

Stando all’ultimo bilancio, le vittime accertate sono 58. Nella giornata di ieri non e’ stato pero’ trovato alcun superstite e tra fango e detriti i dispersi resterebbero circa 300.

Vale e’ proprietaria dello sbarramento che venerdi’ ha ceduto sommergendo i giacimenti minerari gestiti dalla multinazionale e parte dell’abitato della vicina cittadina di Brumadinho. Secondo il sindaco Avimar de Melo Barcelos, all’origine del crollo c’e’ stata “una mancanza di manutenzione e monitoraggio”. Vale, ha denunciato il primo cittadino, e’ stata “negligente e incompetente”.

Il presidente del Brasile, Jair Bolsonaro, ha promesso di “fare di tutto” per prevenire “nuove tragedie come questa”.


:

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»